Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La Coldiretti rilancia il settore dell`Ortofrutta. E Zinzi: `Togliamoci da dosso lo stemma di Gomorra`

04 / 02 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il convegno che si è svolto questa mattina presso la Sala Consiglio Coldiretti di Caserta in via Cesare Battisti, è diventato un interessante spunto di riflessione sulla realtà odierna della Terra di Lavoro. Alla presenza di Gianni Lisi direttore della Coldiretti di Caserta, e con gli interventi di Marco Scortichini direttore dell’unità di ricerca per la frutticoltura nel casertano, di Gino De Martino Consulente dell’Agrosud, e con le conclusioni di Tommaso De Simone presidente della Camera di Commercio di Caserta, si sono gettati le basi per un progetto a tutto tondo che interessa non sono i produttori agricoli, ma che di riflesso interessa anche i consumatori. Il discorso di apertura del convegno, ha analizzato in maniera tecnica i problemi del mondo Ortofruttifero nazionale; gli interventi hanno poi cercato di trovare una soluzione al dissesto locale, elogiando come il casertano ed il salernitano, rappresentino il 55% della produzione campana di frutta ed ortaggi. Un dato questo che fa capire come tutto il territorio dispone le risorse necessarie, ma essenzialmente mancano i mezzi. Per questo il presidente della Camera di commercio, non solo ha ben pensato di puntare sulla purezza dei nostri prodotti, ma di dare agio agli stessi produttori di investire più denaro, e quindi permettere di curare più il prodotto e di pagarlo a poco prezzo, ma soprattutto permettendo alla vendita al dettaglio di abbracciare una fetta più ampia di persone. La crisi economica infatti in questo convegno è paventata come uno spettro, ma a detta dei relatori, è da tempo che l’intera provincia non naviga in acque sicure. Quindi è un problema che solo con la tenacia e la caparbietà di tutti, si può risolvere. A risollevare gli animi, è giunto anche il candidato dell’Udc Gianpiero Zinzi. Legato al Presidente della Camera di commercio da una profonda stima ed amicizia, ha strappato una promessa davanti ai presenti in sala. Essendo anche lui un giovane casertano che vuole il bene della sua stessa città, ha promesso di perorare la causa di questa interessante iniziativa, ammettendo però che il progetto va ancora affinato Lo stesso Zinzi dichiara che dobbiamo “toglierci di dosso lo stemma di Gomorra”, perché Caserta ha la forza ed i mezzi per portare avanti i suoi progetti. 
coldiretti ortofrutta tommaso de simone caserta caserta convegno
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.