Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Muore in clinica, interrogazione parlamentare sui 14 medici indagati

19 / 06 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Muore  dopo 48 giorni di lungo calvario ed ora il suo caso diventa parlamentare. Ebbene sì, perchè sulla morte di Elena Trepiccione, 69 anni di Santa Maria Capua Vetere, si è accesa l'attenzione per 'mala sanità'. Prima con un'inchiesta della Procura che ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati di 14 medici. Poi con un' interrogazione parlamentare del gruppo del Pd.  La donna era stata trasferita dalla Clinica della salute di Santa Maria Capua Vetere  alla Pinetagrande di Castelvolturno dove i medici avevano evidenziato un quadro clinico  gravissimo   che  la costringeva a sottoporsi ad un nuovo ntervento chirurgico.  Un carcinoma all’utero operato alla  Clinica della  salute  non era stato asportato  a regola  d’arte. “Dicevano che si trattava di un intervento di  routine - racconta  il figlio che ha presentato denuncia al Commissariato di Polizia di Santa Maria Capua Vetere - eppure l’intestino era stato cucito alla parete addominale provocandone la perforazione ed una peritonite. Alla  Clinica  Pinetagrande  ci hanno svelato cosa era  accaduto  ma  per  mia  madre era  troppo tardi. Dopo un mese  in  rianimazione  non si e’ mai piu’ ripresa». Oltre all'inchiesta per omicidio colposo, è stata presentata anche un'interrogazione dalla deputata del Pd Farina Coscioni al Ministro della salute nella quale si legge: «La paziente è entrata nella clinica "Santa Maria della Salute" di Caserta per un'operazione delicata ma di routine, che si e' risolta in un trascinarsi da una sala operatoria all'altra fino a quando la donna non e' deceduta. Voglio sapere quali elementi disponga in merito alla dinamica della vicenda e quali iniziative di competenza intenda assumere».

Cronaca S.M.C.V Noi in Rete Noi Reporter Noi Reporter Cellole
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.