Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La camorra dei manifesti elettorali, 4 condanne. C'è anche la moglie del boss di Caserta

20 / 05 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Quattro condanne ed un'assoluzione. E' questa la sentenza della Corte d'Appello di Napoli a carico di quattro persone ritenute affiliate al clan Belforte di Marcianise e finite sotto processo per le estorsioni sui manifesti elettorali. La quinta sezione della Corte d'Appello di Napoli ha condannato a 6 anni Concetta Buonocore, moglie del boss di Caserta Antonio Della Ventura; 8 anni sono stati comminati a Salvatore Buttone, Nicola Petruolo e Gennaro Buonanno. Assolto, invece, Roberto Trombetta, fratello di Luigi Trombetta di Marcianise. Le indagini hanno permesso di scoprire che i clan erano arrivati a chiedere il "pizzo" anche per l'affissione dei manifesti elettorali dei candidati della provincia di Caserta, in occasione delle elezioni regionali e provinciali della primavera 2010. 

caserta camorra elezioni manifesti elettorali condanne clan belforte
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it