Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La camorra dei manifesti elettorali, 4 condanne. C'è anche la moglie del boss di Caserta

20 / 05 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Quattro condanne ed un'assoluzione. E' questa la sentenza della Corte d'Appello di Napoli a carico di quattro persone ritenute affiliate al clan Belforte di Marcianise e finite sotto processo per le estorsioni sui manifesti elettorali. La quinta sezione della Corte d'Appello di Napoli ha condannato a 6 anni Concetta Buonocore, moglie del boss di Caserta Antonio Della Ventura; 8 anni sono stati comminati a Salvatore Buttone, Nicola Petruolo e Gennaro Buonanno. Assolto, invece, Roberto Trombetta, fratello di Luigi Trombetta di Marcianise. Le indagini hanno permesso di scoprire che i clan erano arrivati a chiedere il "pizzo" anche per l'affissione dei manifesti elettorali dei candidati della provincia di Caserta, in occasione delle elezioni regionali e provinciali della primavera 2010. 

caserta camorra elezioni manifesti elettorali condanne clan belforte
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.