Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La morte di Raffaella, c’è la data dei funerali

25 / 11 / 2014

|

Elisabetta Coppola

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dopo giorni di attesa, stamane il Giudice ha dato il via libera al dissequestro della salma di Raffaella Martino, la 39enne di San Cipriano d'Aversa trovata morta nella sua abitazione mercoledì scorso, il cui caso tiene ancora oggi col fiato sospeso i familiari e i compaesani. Raffaella, che nei giorni precedenti al decesso aveva presentato febbre alta, nella mattinata di mercoledì non presentava alcun tipo di sintomo, motivo per il quale il medico curante ne aveva certificato la completa guarigione. Il decesso è avvenuto mercoledì alle 20.30 prima di cena, dopo essersi diretta in bagno per una doccia, Raffaella è stata colta da un malore improvviso ed è stata poi trovata senza vita dai genitori pochi minuti dopo. La donna lavorava come impiegata presso la segreteria dell'istituto Carli di Casal di Principe dove ad ottobre si era registrato un caso di meningite, elemento che ha portato i familiari ed i paramedici del 188 ad approfondire le indagini sulla sua morte. Nonostante il lungo periodo di attesa ad oggi non è stato ancora possibile conoscere le cause della sua morte. L'esame autoptico ed il tampone celebrale, effettuati sul corpo della donna nei giorni passati, non hanno dissolto i dubbi sul caso. A confermare la complessità delle indagini è il telegramma recapitato stamane al Comune di San Cipriano d'Aversa il quale riporta la dicitura "... Cause della morte: da accettare.". Le esequie verranno celebrate domattina alle ore 10.30, a San Cipriano d'Aversa presso la chiesa M. S. S. AnnunziaTA. I familiari, sciolti dalla quarantena, potranno dare l'ultimo saluto a Raffaella in attesa di conoscere la verità.

san cipriano daversa raffaella martino morta meningite funerale data
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.