Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La morte di Schiavone, il sindaco di Caserta polemico: «Lo hanno fatto diventare una star»

23 / 02 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


“Italia paese assurdo”. Così il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio ha commentato la notizia della morte di Carmine Schiavone, l’ex boss e ‘cassiere’ del clan dei Casalesi, cugino di ‘Sandokan’, morto ieri a 72 anni. Da tempo collaboratore di giustizia, la sua figura resta misteriosa e discussa: da un lato lo spietato criminale e mandante di decine di omicidi, dall’altro il “pentito” che con le sue rivelazioni ha scoperchiato il malaffare che per decenni ha regnato in provincia di Caserta. Dal 1993 infatti Schiavone ha iniziato a raccontare come il clan abbia devastato l’area della cosiddetta ‘Terra dei Fuochi’ sversando tonnellate di rifiuti pericolosi. Per il sindaco di Caserta il giudizio sulla sua persona è chiarissimo: “Lo hanno fatto diventare un star. Rispetto per la morte ma la sua vita e il suo pentimento non andavano celebrati come un fenomeno mediatico”.

caserta pio del gaudio carmine schiavone morto camorra pentito
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.