Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Lavori fermi alla scuola elementare ‘Caruso’ di Casagiove, le mamme minacciano di occupare il Comune

29 / 06 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Potrebbe avere conseguenze clamorose la protesta, per ora pacifica, dei genitori degli alunni della scuola elementare ‘Caruso’ di Casagiove. Ieri mattina le mamme hanno invaso simbolicamente il Comune per denunciare i ritardi dei lavori per l’adeguamento sismico dell’edificio, chiuso ormai da 10 mesi. Se il cantiere non sarà aperto, le mamme hanno promesso di occupare il Municipio ad oltranza. I soldi per il lavori ci sono (circa 450mila euro), così come il progetto, ma la burocrazia infinita rischia di far saltare l’anno scolastico agli studenti, che saranno così costretti a seguire le lezioni nelle aule disponibili in città, con maggiori costo per il trasporto e maggiori sacrifici per le famiglie. Con le mamme si schierato Stefano Giaquinto, parroco della chiesa di Santa Maria della Vittoria. Il sindaco Elpidio Russo, durante un incontro nella Cascina della fraternità, aveva promesso di restituire la scuola entro settembre. Ma l’apertura del cantiere è andata via via slittando. Sotto accusa da parte delle mamme è l’ufficio tecnico, che avrebbe inviato una documentazione incompleta al Genio civile di Caserta, che di conseguenza non rilascia il nulla osta. 
scuola casagiove caruso genitori genitori occupazione
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.