Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

LAVORO | Eav assume 350 diplomati e laureati per varie mansioni

08 / 08 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Trecentoventi diplomati e 30 laureati saranno assunti con un contratto full time a tempo indeterminato entro il 2019 in Eav, la holding del trasporto pubblico regionale della Campania. Il nuovo piano assunzionale varato dall'azienda e' stato presentato stamattina in conferenza stampa dal governatore Vincenzo De Luca e dal presidente di Eav, Umberto De Gregorio. Il bando sara' pubblicato sul sito dell'Eav entro venerdi' 10 agosto e c'e' tempo fino al prossimo 7 ottobre per presentare domanda. Per i diplomati, che saranno impiegati come operatori di esercizio e qualificati, macchinisti, capotreni, operatori di manovra e di stazione, e' richiesta una votazione minima di 48/60 o di 80/100 ed eventuali patenti richieste per ogni singola mansione. Votazione minima di 105/110, o di 95/110 per chi ha l'abilitazione alla professione, per i laureati in ingegneria, geologia, giurisprudenza ed economia. ù

Per alcune figure e' richiesta anche la conoscenza dell'inglese. La selezione sara' affidata a una societa' esterna che si occupera' anche di predisporre un primo test e due successive prove, una scritta e una orale o pratica. "E' una giornata storica per la Campania. Eav e' un orgoglio per questa Regione ma lo e' anche a livello nazionale", ha commentato il governatore De Luca. L'assunzione di 350 nuove figure consentira' ad Eav di rinnovare il 15 per cento del personale in servizio nella holding del trasporto.

"Oggi l'eta' media del personale dipendente si attesta intorno ai 53 anni", ha spiegato il presidente di Eav, Umberto De Gregorio. "Con il 52% di agenti con eta' superiore a 50 anni, il 14 per cento di eta' superiore a 60 e solo il 2% con eta' inferiore a 30 anni. Se non si da' spazio ai giovani, non vi e' speranza per le nostre aziende e per il nostro territorio". De Gregorio ha annunciato che l'azienda intende procedere alle nuove assunzioni entro la prossima estate. Il piano, inoltre, sara' quasi a costo zero per Eav: "Settecento persone hanno lasciato l'azienda negli ultimi quattro anni. Solo nel 2018 avremo 140 esodi agevolati (con i fondi regionali) e altre 60 uscite naturali. Parliamo di 200 persone che vanno va in un solo anno e si consideri che il costo di un lavoratore neo assunto e' inferiore di almeno un terzo al costo medio di un attuale lavoratore. Con le assunzioni potremo ridurre in modo consistente peraltro il costo del lavoro straordinario, oggi a livelli eccessivi ma indispensabile per fronteggiare le richieste di servizio"

Il concorso prevede che il 15% della forza lavoro di Eav sarà di nuovi assunti. Le figure da assumere sono: 90 operatori per il trasporto automobilistico, 45 meccanici, 42 elettrotecnici, 30 elettronici, 23 manutentori di armamento, 20 operatori di manovra per circolazione ferroviaria, 45 operatori di stazione per la circolazione ferroviaria, 25 macchinisti e capotreni. Per accedere al concorso sarà necessario un diploma di scuola secondaria superiore di 5 anni con voto 48/60 del vecchio ordinamento o 80/100 del nuovo. Per gli operatori di esercizio patenti D o E di CQC con punteggi non inferiori a 15. “Prevediamo – ha detto De Gregorio – migliaia e migliaia di domande. Sarà indispensabile per assicurare un futuro all’azienda che prevalgano i migliori, chi ha voglia di fare e chi ha le competenze per fare. Privilegeremo chi ha i requisiti per consentire l’accesso agli incentivi contributivi. Per quanto riguarda ingegneri, avvocati e commercialisti privilegeremo chi ha già esperienze qualificate di lavoro, meglio ancora se all’estero e sarà importante la conoscenza della lingua inglese”. De Gregorio ha ricordato che: “700 persone hanno lasciato l’azienda negli ultimi quattro anni e solo nel 2018 avremo 140 esodi agevolati e altre 60 uscite naturali. Il costo del lavro per l’azienda non aumenterà poiché un lavoratore neo assunto costa un terzo in meno di un attuale lavoratore, in più potremo ridurre in modo consistente il costo del lavoro straordinario, oggi a livelli eccessivi ma indispensabile per fronteggiare le richieste di servizio. Ci voglono forze fresche: oggi l’età media del personale si attesta intorno ai 53 anni, con il 14% per cento di età superiore a 60 e solo il 2% con età inferiore a 30 anni.

LAVORO EAVBUS
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.