Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Le caviglie gonfie: quali sono gli errori più frequenti?

26 / 10 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


È facile essere colpiti dalle caviglie gonfie, specialmente in estate e soprattutto se si segue uno stile di vita poco sano! Questo disturbo, infatti, è spesso collegato a una scarsa idratazione, a un’alimentazione ricca di grassi, a giornate troppo sedentarie o – al contrario – passate senza mai fermarsi un attimo.

In effetti, vi sono diversi errori che commettiamo quotidianamente e che possono favorire l’insorgere di tale problematica. Vediamo quali sono, in modo da evitarli: il gonfiore a caviglie, gambe e piedi può essere davvero fastidioso, a tal punto da impedirci di affrontare al meglio i nostri impegni.

Non provvedere alla cura del corpo

Iniziamo col dirti che la beauty routine svolge un ruolo indispensabile contro la pesantezza agli arti inferiori. Esistono apposite formulazioni in grado di rendere le caviglie più agili e leggere: cosmetici con effetto defaticante e lenitivo, perfetti per chi soffre di questa specifica condizione.

Per le tue caviglie gonfie usa il gel freddo a base di bava di lumaca di Nuvò Cosmetic, che garantisce un sollievo immediato. Una preparazione del genere andrebbe adoperata un paio di volte al giorno, di mattina prima di uscire di casa e di sera prima di dormire. È importante che il massaggio duri non meno di 10 minuti, affinché la crema penetri in profondità nel materasso cutaneo.

Nuvò è un ottimo brand nel settore della bellezza e del benessere, e lo dimostra con articoli come il gel freddo per gambe e caviglie stanche. L’ingrediente cardine, la bava di chiocciola, è conciliato con cinque principi attivi naturali straordinariamente validi: il mentolo in cristalli, l’estratto di mirtillo, l’olio essenziale di anice stellato, di eucalipto e di menta piperita.

Le lumache sono monitorate con attenzione, e la loro bava è filtrata in laboratorio per ottenere la massima qualità. Una soluzione di questo tipo è eccellente nella lotta alle caviglie gonfie!

Bere poca acqua

Un altro sbaglio, che contribuisce alla sensazione di gonfiore, consiste nel bere poca acqua. Una cattiva abitudine, nella quale spesso cadiamo per pigrizia, per le tante cose da fare o semplicemente perché non ci pensiamo.

La ritenzione idrica è alleata delle caviglie gonfie, dato che i liquidi si accumulano nel derma e “appesantiscono” gli arti inferiori. Un organismo poco idratato non riesce a espellere le tossine, che si ammassano nei tessuti e provocano un accentuarsi del problema.

Come rimediare? Assumi almeno 1,5-2 litri di acqua ogni giorno, e non bere soltanto quando avverti la sete! Vanno bene anche il tè verde, i centrifugati di verdura e frutta e le tisane (al mirtillo, allo zenzero, al limone, alla curcuma ecc).

Indossare abiti molto stretti

I vestiti attillati non ti aiutano a combattere le caviglie gonfie, anzi. Devi sapere che il disturbo può essere causato anche da un rallentamento della microcircolazione, che di certo non viene risolto con capi di abbigliamento aderenti.

Lo stesso vale per le calzature strette, che “opprimono” il piede e ostacolano il corretto ritorno venoso. L’ideale, in questi casi, è prediligere le scarpe da ginnastica e i pantaloni larghi.

Condurre una vita sedentaria…

Chi sta sempre seduto ha più probabilità di incorrere nel gonfiore alle caviglie. Il movimento rappresenta un supporto alla circolazione del sangue: non stiamo parlando di sport agonistico, ma anche soltanto di una mezz’oretta di camminata quotidiana. Sono ottimi, inoltre, il pilates, lo yoga e la corsa leggera.

Ricorda che le caviglie diventano più gonfie in situazioni di sovrappeso. Un training adatto favorisce sia la microcircolazione, sia il mantenimento della linea e del giusto tono muscolare.

… oppure non fermarsi mai

La virtù sta nel mezzo: questo è un insegnamento che ci viene tramandato sin dall’antichità, e che può essere applicato a tutti gli ambiti. La totale sedentarietà è un errore, ma lo è anche un workout esagerato che affatica gli arti inferiori.

Gli esperti raccomandano di fare esercizio fisico due o tre volte alla settimana, non di più. Se proprio non hai tempo, adotta alcuni accorgimenti come fare le scale invece di prendere l’ascensore. Evita, però, di stare in piedi tutto il giorno!

Viaggiare molto senza seguire qualche stratagemma utile

Vi sono persone costrette a viaggiare in continuazione per lavoro: ma le ore trascorse sul treno, o peggio sull’aereo, possono facilitare l’insorgere del gonfiore alle caviglie.

Ciò che conta è tenere attive queste parti del corpo, alzandosi di tanto in tanto o facendo stretching. Per esempio, potresti ruotare il piede prima in senso orario e poi antiorario, per incentivare la circolazione del sangue e ridurre la sensazione di pesantezza.

Mangiare cibi pieni di sale o di zuccheri raffinati

Infine, vi sono degli alimenti complici delle caviglie gonfie: ci riferiamo soprattutto agli snack confezionati, agli insaccati, ai salumi, ai fritti, ai latticini più grassi. Cerca di limitare il consumo di queste pietanze, e inserisci nella tua dieta quotidiana 4 o 5 porzioni di frutta e verdura. Al bando le bibite gassate e gli alcolici!

donna stanca
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.