Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

E' 'ricercato' l' addobbatore del matrimonio Kitsch alla Reggia di Caserta

08 / 01 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dopo le polemiche innescate dalla notizia del lussuoso matrimonio in programma venerdì scorso alla Reggia di Caserta di Angela Ammaturo, la foto che riprende un allestitore a cavalcioni sul celebre leone di marmo mentre sistema centinaia di fiori sullo scalone monumentale in vista dell’arrivo degli sposi ha scatenato ulteriori polemiche.

La maggioranza delle persone che hanno commentato l’immagine hanno espresso la loro disapprovazione, giudicando grave l’episodio, mentre altri hanno continuato a reputare l’evento positivo per la Reggia, senza scandalizzarsi per la foto del fioraio che, a detta di alcuni, non si è comportato diversamente da tanti altri turisti che si fanno immortalare “in compagnia” di uno dei due leoni posti in prossimità degli appartamenti storici, mentre c'è anche chi resta dell'idea che si sia trattato di un'iniziativa positiva per il sito.

Tra questi c'è sicuramente il direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, preso in giro sul web con un fotomontaggio che lo ritrae nelle vesti del celebre "boss delle cerimonie". Un fotomontaggio che lo stesso Felicori ha rilanciato sulla sua pagina Facebook. Sulla questione dell'infiorata, Felicori ha aggiunto: "Al netto dello spiacevole episodio del fioraio sul leone (verificherò cosa non ha funzionato nella vigilanza), confermo che la festa di matrimonio si è svolta senza problemi in sale dedicate agli eventi, senza disturbare neanche per un minuto i percorsi dei visitatori, che anzi hanno apprezzato l'infiorata sullo scalone, unica eccezione da me autorizzata. Dunque non abbiamo profanato nulla, nulla è stato danneggiato né svilito. Annoto peraltro, a conferma della normalità di quanto è stato percepito come eccezionale, che il dibattito sugli eventi alla Reggia si svolge in assenza di ogni informazione su quanto si fa in occidente per gestire in modo brillante i beni culturali".

 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.