Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L’Imu aumenta, il Pdl: i cittadini pagheranno le spese di Di Muro, Mattucci e Stellato

18 / 09 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sono ancora le spese del Comune di Santa Maria Capua Vetere a tenere banco nella polemica politica in cittù E così mentre stasera è in agenda il primo incontro della maggioranza per discutere del bilancio da portare in consiglio comunale, il Pdl torna all’attacco. E lo fa con una nota sottoscritta dal segretario cittadino Salvatore Mastroianni unitamente ai consiglieri comunali Federico Simoncelli, Giovanni Campochiaro e Luigi Simonelli: “Provassero i nostri amministratori a non spendere quanto stanno invece dilapidando ogni mese per incarichi professionali esterni e affidamenti diretti e vediamo se il Comune non risparmia diverse centinaia di migliaia di euro ogni trenta giorni, che servirebbero a non aumentare una pressione fiscale che già è a livelli insostenibili per la maggior parte delle famiglie, in particolar modo quelle monoreddito. Fermo restando che stiamo addirittura parlando di IMU, cioè di una tassa che l’anno scorso non esisteva affatto e che pertanto non produceva nessun entrata per l’Ente locale, pertanto proprio non si capisce rispetto a quale ragione l’amministrazione  targata Mattucci – Di Muro - Stellato procederà con l’aumento dell’aliquota, se non con l’unico chiaro obiettivo di cercare di coprire la moltitudine di spese a che l’Amministrazione sta alimentando da quando si è insediata. C’è solo da sperare che la stessa amministrazione, dopo gli annunciati aumenti dell’IMU  e dell'addizionale IRPEF, non proceda anche all’incremento di altre imposte comunali per la serie “i cittadini sono costertti a mettere mani al portafoglio per pagare i conti di un’amministrazione decisamente spendaccione”.
Politica S.M.C.V Capua Calvi Risorta Calvi Risorta Piedimonte Matese
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.