Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Uccide l’amico per errore: indagato uno studente. Il corpo ritrovato in un dirupo

14 / 01 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' stato uno studente di Macerata Campana, Francesco N. il responsabile della fucilata che avrebbe ucciso un maresciallo della Guardia di Finanza. E' iscritto nel registro degli indagati, con l'accusa di omicidio colposo per la per la morte di Luca Pulsoni, 26enne maresciallo della Guardia di Finanza che domenica scorsa ha perso la vita durante una battuta di caccia.

La vittima, originario di Avezzano ma in servizio a Vibo Valentia, si trovava con un gruppo di amici cacciatori nelle campagne di località Cutà, sull'altopiano degli Scrisi, a Maierato quando è stato colpito sotto la clavicola da un colpo a palla (utilizzato per la caccia al cinghiale).

Il corpo è stato recuperato dai vigili del fuoco del comando provinciale di Vibo poichè, dopo lo sparo, il 26enne è precipitato in un dirupo dove è deceduto in pochi minuti per dissanguamento. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Maierato e della Compagnia di Vibo Valentia che hanno avviato gli accertamenti sull'accaduto. Questo pomeriggio sarà eseguita l'autopsia sul corpo del giovane finanziere.

Luca Pulsoni morto caccia macerata campania
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.