Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ADDIO PROF | Muore storico insegnante del Liceo Diaz

04 / 01 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


 

Nella giornata di ieri è purtroppo venuto a mancare all’età di 74 anni il Prof. Luciano Antonetti, storico insegnante di Matematica e Fisica del Liceo Scientifico Armando Diaz, in pensione dal 2010.
Il Prof. Antonetti era uno dei più illustri docenti del liceo casertano, stimato sia dai colleghi che dagli studenti. Uomo divertente ma anche severo, con il suo carisma ha saputo accompagnare il percorso scolastico di numerose generazioni di casertani, che spesso facevano la gara per poter capitare nella sua sezione.

Il ricordo di un suol alunno, Attlio: "Un po’ di anni fa, ormai mezza vita fa, lessi un libro di Kundera che si chiama “L’immortalità”.
È un libro interessante, particolare e per niente lineare. Ancora oggi ho difficoltà a ricostruirne la trama. 
So solo che dopo averlo letto ebbi la sensazione di aver percepito in qualche modo il significato di quel titolo...

Da qualche ora quel titolo e quella parola, immortalità, mi risuonano nella testa.

Ci sono tanti modi per ottenere l'immortalità nel nostro mondo. 
Alcuni sono dirompenti e palesi. Attraverso l’arte, la politica, la scienza e il sapere ci si può riservare un posto nell'immortalità degli uomini.
Un altro tipo di immortalità è quella che ottengono i padri e le madri nelle menti dei propri figli, dei propri nipoti. Questa è molto più intima e soggettiva e quasi a tutti viene data l'opportunità di sperimentarla o tentarla.

C’è poi un terzo tipo: l’immortalità degli insegnanti, dei nostri maestri.

Il tempo della nostra vita subisce continuamente accelerazioni e decelerazioni. Ci sono periodi della nostra vista che sentiamo scanditi dal rapido ticchettio delle nostre settimane lavorative e periodi che coincidono con grandi cambiamenti. La nostra giovinezza, e in particolare la nostra adolescenza, è uno dei periodi più lenti della nostra vita. Un periodo che assaporiamo e viviamo intensamente goccia dopo goccia.

In questo tempo della nostra vita la nostra maturazione si nutre di stimoli, esperienze ed insegnamenti.

Oggi, uno dei mei insegnanti ha ottenuto l’immortalità. Non sono sicuro che l’abbia cercata, ma sono sicuro che l’ha ottenuta. 
Da oggi vivrà solo negli infiniti aneddoti che ci ha lasciato, che abbiamo vissuto con lui o che ci ha raccontato. 
Lui ci ha fatto capire che andare a scuola poteva essere un gioco continuo, una scoperta e un incantesimo in cui cercare di restare il più possibile imprigionati.

La matematica per lui era una fonte inesauribile di stimoli e rompicapo: un modo per testare la nostra maturità, per imparare ad affrontare il mondo e per passare del tempo con i suoi alunni, quelli che oggi si definirebbero molto più volentieri dei discepoli.

Questo post, per quanto io possa scrivere, non renderà mai giustizia a quello che il prof. Luciano Antonetti ha lasciato nella mia vita e nella mia testa. 
Per questo mi fermo qui.

Buon viaggio a te, caro “prof”, da uno dei tuoi affezionati discepoli."

luciano antonetti morto insegnante
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.