Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Estorsione ad un politico, fermati la moglie ed il figlio del boss

12 / 01 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un decreto di fermo è stato notificato dalla Dda di Napoli nei confronti della moglie e del figlio del boss dei Belforte Filippo Petruolo. I due sono accusati di estorsione ai danni di un politico di Macerata Campania, esponente della maggioranza, che sarebbe anche stato pestato a sangue in seguito ad una richiesta estorsiva. La moglie del capozona è stata trovata a Minturno, il figlio a casa di amici.

Il provvedimento scaturisce da indagini condotte tra i mesi di luglio e dicembre scorso, sia con attività tecniche che testimonianze, nonché con l'acquisizione di filmati dai carabinieri di Macerata Campania che hanno permesso di accertare, a seguito della denuncia di un imprenditore edile impegnato in un cantiere per la realizzazione di alcuni campi di calcetto nella frazione di Caturano a Macerata Campania, la persistenza di fenomeni estorsivi in danno di imprenditori nei comuni di Portico e Macerata.

Il provvedimento di fermo è stato eseguito nei confronti di Angela Alessi e Cosimo Petruolo (20 anni compiuti lunedì), moglie e figlio del capozona di Macerata, oggi detenuto perché condannato all'ergastolo per associazione camorristica e per attività criminose poste in essere in concorso con Francesco Argenziano (oggi detenuto). Le risultanze investigative hanno permesso di accertare che Francesco Argenziano effettuava le richieste estorsive su incarico di Angela Alessi, attività poi svolta da Cosimo Petruolo successivamente all'arresto di Argenziano. 

La richiesta di estorsione posta in essere, in corrispondenza delle scadenze tipiche delle festività di Natale, Pasquale e Ferragosto, nei confronti di diversi imprenditori operanti nel settore dell'edilizia e della rivendita di materiale edile, nonché di titolari di concessionarie e di negozi di elettrodomestici, tra questi anche un soggetto che ricopriva l'incarico di consigliere comunale di Macerata Campania. Le vittime non sono hanno confermato di essere state destinatarie di richieste estorsive ma anche di essere state oggitto di ceree e proprie aggressioni fisiche.

macerata arrestati moglie figlio boss filippo petruolo
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.