Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Una strada all' interno del Macrico. Marino stravolge il PUC ma l'assessore ne resta fuori

30 / 05 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un varco nel Macrico ed una strada al posto della ferrovia, giallo in Comune
„Forse contrasti in giunta Fssss

Forse contrasti in giunta, ma certamente delibere contrastanti che fanno sorgere tanti dubbi su ciò che sarà il Puc di Caserta. E' quanto emerge dalla denuncia del gruppo consiliare di Speranza per Caserta relativamente alla delibera 119 approvata dalla giunta guidata da Carlo Marino con la quale è stato approvato il programma di riqualificazione dell'area interessata alla dismissione della linea ferroviaria in direzione Benevento.

E' del tutto evidente che l'Amministrazione Marino è ormai senza controllo, con assessori esautorati e delibere che contraddicono atti precedenti. Ne è l'esempio più lampante e grottesco, la delibera di giunta 119, con la quale lo scorso 25 maggio è stato approvato il programma di riqualificazione dell'area interessata alla dismissione della linea ferroviaria in direzione Benevento. Una delibera di forte impatto nella programmazione urbanistica, ma che porta la firma dell'assessore ai lavori pubblici (Franco De Michele) ed in cui invece non c'è traccia dell'assessore all'Urbanistica Stefania Caiazzo, assente anche al momento del voto in giunta. “Ma la cosa più grave ed incomprensibile – spiega il consigliere Apperti - è che questo progetto di fattibilità contraddice in maniera evidente il Preliminare di Piano Urbanistico Comunale, approvato dalla stessa Giunta Marino il 14 marzo 2017! In particolare, nel preliminare di PUC è espressamente previsto che l'area di sedime ferroviario rimanga pedonale e ciclabile con navette di trasporto pubblico; quindi – continua il consigliere di Speranza per Caserta - è escluso che possa essere carrabile, ed invece nel progetto approvato pochi giorni fa si prevede una strada (anzi uno stradone!) di 2,4 km di lunghezza e sezione variabile da un minimo di 12,00 ad un massimo di 16 metri”. Una evidente contraddizione, oltre che un progetto malsano: “Mentre con la mano destra l'amministrazione disegna un PUC che si propone di ribaltare le gerarchie della mobilità nel centro cittadino, tenendo le auto ai margini e creando reti di mobilità sostenibile, con la sinistra progetta un nuovo asse di penetrazione motorizzata verso il cuore della città. Ma non basta: addirittura, la delibera traccia una strada che attraversa un’area ubicata all’interno del Macrico in adiacenza alla Caserma Sacchi, con tanto di spazioso parcheggio nei pressi degli uffici comunali. Nulla di tutto ciò – conclude Apperti - è previsto nel preliminare di PUC, nulla di tutto ciò è stato chiesto dai tanti cittadini che hanno partecipato alle fasi di consultazione pubblica: a che (sporco) gioco sta giocando l'amministrazione Marino?”.

caserta macrico puc carlo marino
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.