Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Il vigile urbano col vizio del gioco finisce nella morta del mobiliere: mille euro diventano quasi 40mila

21 / 02 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Anche un vigile urbano è finito nelle grinfie di un usuraio. Il ragazzo di Maddaloni ha denunciato il suo estorsore nel febbraio 2015 quando racconta ai carabinieri di aver chiesto un presti di mille euro che aveva perso al gioco e che in cambio Antonio Di Vico, noto mobiliere di Maddaloni arrestato questa mattina, gli aveva fatto firmare un cambiale da 5mila euro, con ben 4mila euro di interessi. Il vigile urbano, naturalmente, non riesce a pagare il suo debito e la somma da restituire aumenta di settimana in settimana, raggiungendo la somma di 39700 euro nel giro di quasi cinque anni. Il tutto mascherato da una scrittura privata in base alla quale Di Vico avrebbe venduto dei mobili al vigile urbano che in realtà non erano stati mai consegnati. E per convivere il vigile urbano a pagare, Di Vico gli avrebbe anche detto: “Se non paghi ti mando delle persone che sapranno farti pagare, ti mando delle persone amiche mie di Maddaloni e Marcianise che sapranno costringerti a pagare”.

maddaloni vigile urbano vizio del gioco antonio di vico mobiliere arrestato
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.