Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Reparto di Ostetricia, Zinzi chiede una risposta da De Luca

31 / 05 / 2017

|

Alessia Aulicino

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha depositato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale avente ad oggetto il “Ripristino del reparto di Ostetricia e Ginecologia presso l’Ospedale di Maddaloni”.

L’interrogazione prende le mosse dalle avvertite esigenze di assistenza dei cittadini, preoccupati per l’assenza, in un’ampia area che comprende la Valle di Suessola ed arriva fino alle zone confinanti con il territorio beneventano e napoletano, del reparto di ostetricia.

“Razionalizzare il sistema sanitario - ha dichiarato il consigliere regionale Zinzi - non significa depotenziare le strutture ospedaliere smembrando reparti, soprattutto se sono in linea con gli standard quantitativi. La mancanza di un punto nascita è sempre una sconfitta per i territori, nel caso di Maddaloni rappresenta poi una doppia beffa dal momento che la Città è al centro di un’incessante attività di propaganda elettorale da parte del centrosinistra in Regione che da un lato promette attenzione, dall’altro mostra di dimenticare le reali esigenze dei cittadini. E’ necessario, poi, sgomberare il campo da ogni equivoco: non si chiede lo spostamento del reparto da un territorio ad un altro, ma il ripristino del punto nascita, nella convinzione che strutture ospedaliere come Maddaloni e Marcianise meritino entrambe, per incidenza demografica, di avere all’interno reparti di ginecologia ed ostetricia”.

Il consigliere Zinzi interroga De Luca al fine di “riconsiderare gli indirizzi del Piano 2016-2018, riconoscendo l’assoluta necessità di avere un reparto di Ostetricia e Ginecologia presso l’Ospedale di Maddaloni”.

Maddaloni Zinzi reparto ostetricia ginecologia chiede risposta De Luca
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.