Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

MAFIA NIGERIANA | Rapporto choc della DIA: "Comandano più del clan dei casalesi"

29 / 07 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Comandano i nigeriani, più dei clan dei casalesi. E' questa la fotografia del litorale domitio che arriva dal rapporto della Dia. Arrivata 30 anni fa, ora la mafia nigeriana coesiste e si ritaglia spazi di dominio nell'area di Castel Volturno: “si può affermare, per l’area domitiana, che il ridimensionamento del clan Bidognetti su quel territorio ha lasciato spazi di manovra alle organizzazioni mafiose di matrice nigeriana che non solo gestiscono il traffico di stupefacenti, ma anche la tratta di esseri umani, da avviare alla prostituzione, mediante gravissime forme di intimidazione, esercitate con l’agire tipicamente mafioso, peraltro sancito da condanne definitive” 

Ormai non c'è più un rapporto di sottomissione dei nigeriani ai casalesi, viene spiegato nel Rapporto, estendo il campo d'azione dallo spaccio, al traffico di esseri umani con la prostituzione, ciò anche con patti con altri gruppi criminali: “Negli anni, è emersa anche una sostanziale non belligeranza – a volte con tratti di sinergia – da parte delle organizzazioni criminali nigeriane ed albanesi nel campo dello sfruttamento della prostituzione, particolarmente nel Triveneto ed in Campania, ove si è rilevata, sullo stesso territorio, la presenza di giovani donne appartenenti ad entrambe le nazionalità. I proventi delle attività illecite vengono tendenzialmente utilizzati per finanziare l’acquisto dello stupefacente da rivendere al minuto sulle piazze delle città italiane o reinvestiti per acquisire attività economiche dedite all’importazione e al commercio di prodotti etnici, funzionali alla copertura dei traffici criminali.

mafia nigeriana castel volturno clan dei casalesi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.