Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Mamma uccisa in casa. Un`ora di buio nelle indagini. Il giallo della lite. Oggi l’autopsia

22 / 07 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


C’è un’ora di buio nell’omicidio di Katia Tondi, la mamma 31enne uccisa sabato sera nella propria abitazione, dove c’era anche il figlio di 8 mesi, in viale Ferdinando di Borbone a San Tammaro. E’ in quei 60 minuti, tra le 19 e le 20, che si è fermata l’attenzione degli inquirenti che attendono anche i risultati dell’autopsia, prevista per oggi, per chiarire alcuni aspetti della vicenda. In primis se Katia abbia avuto una colluttazione col suo aggressore, considerando alcuni segni presenti sul suo volto, prima di essere strangolata, forse, con una corsa. Stabilire l’orario della morte sarà necessario anche per capire se serviranno ulteriori indagini sulla posizione del marito, Emilio Lavoretano, gommista che lavora a Santa Maria Capua Vetere, che è stato colui che ha ritrovato il corpo ed a dare l’allarme. Il marito afferma di essere sceso alle ore 19 per fare la spesa e di essere rientrato un’ora dopo e di aver trovato il corpo a terra. I vicini hanno dichiarato di non aver sentito alcun rumore provenire dall’abitazione al terzo piano, anche se da fonti investigative emerge che ci sarebbe un nuovo elemento da verificare, una violenta lite che avrebbe visto protagonisti Katia ed il marito.
katia tondi omicidio san tammaro santa maria capua vetere santa maria capua vetere autopsia funerali
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it