Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Madre fa arrestare il figlio, poi ritratta: "Volevo mandarlo in carcere per non farlo drogare"

10 / 05 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Si è concluso il processo a carico di G.B. ex detenuto ad Arienzo, già pregiudicato, sotto inchiesta per rapina aggravata ai danni della madre, nei cui confronti aveva usato violenza, tale da cagionarle 7 giorni di prognosi medica. L'escussione della madre segnalava un contesto difficilissimo. Su domande della difesa, rappresentata dall’avvocato Gennaro Caracciolo del foro di Santa Maria Capua Vetere, la madre entrava in contraddizione e prima spiegava di averlo denunciato per le lesioni subite e poi dichiarava di averlo denunciato per "fargli del bene". Emergeva, in effetti, un cronico problema di tossicodipendenza dell'imputato a cui la madre non sapeva dare rimedio. Tale dipendenza era oggetto di litigi frequenti, ma non violenti. Causava screzi ma non offese. Alla fine dell'escussione la madre, stremata dalle domande, si è trovata a confessare che non era vero niente e che aveva denunciato il figlio con il solo scopo di farlo incarcerare per allontanarlo dalla droga. Tale contesto drammatico, unito al quadro probatorio, ha portato il Giudice ad aderire alle richieste della difesa e ad assolvere l'imputato perchè non vi era prova che il fatto sussistesse.

arienzo mamma arrestare figlio ritratta processo
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.