Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Estorsione e tentato omicidio: condanne e assoluzioni per i 4 del clan Piccolo

12 / 07 / 2016

|

Valentina Martinisi

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La 39esima sezione gup del Tribunale di Napoli ha da poco emesso il verdetto alla fine del rito abbreviato per gli imputati Andrea Letizia, Mario Russo, Michele Maietta e Domenico Piccolo. I quattro rispondono a vario titolo di detenzione e porto illegale di armi, estorsione e danneggiamento, delitti aggravati dal metodo mafioso e dal fine di agevolare l’organizzazione camorristica del clan Piccolo di Marcianise. Letizia e Maietta rispondevano anche di tentato omicidio ai danni di Franco Cortese. Andrea Letizia è stato condannato a 10 anni di reclusione, Mchele Maietta e Domenico Piccolo a 8, Mario Russo (collaboratore di giustizi) a 6. Per i primi 3 il pubblico ministero della Dda di Napoli aveva richiesto 18 anni di reclusione. Una sentenza, dunque, che desta scalpore poiché ribalta la tesi della Procura Antimafia sul tentato omicidio di Franco Cortese, dal momento che gli imputati sono stati assolti dall’accusa. E’ stata quindi accolta la tesi del collegio difensivo, rappresentato, tra gli altri, dall’avvocato Giuseppe Foglia. Le indagini della Squadra Mobile che portarono ai tre arresti partirono dalle dichiarazioni di Mario Russo. Franco Cortese, 28enne casertano, nipote di Antonio Bruno del clan Belforte, venne ferito al torace con dei colpi di arma da fuoco esplosi da due persone con il volto nascosto da caschi, giunte a bordo di uno scooter, mentre si trovava fuori dal negozio gestito insieme al padre, in via XX Settembre a San Nicola La Strada. L’inchiesta ha permesso di ricostruire numerosi episodi estorsivi commessi tra il 2009 ed il 2010 da alcuni esponenti del clan Piccolo, nei confronti di imprenditori e commercianti, approfittando del declino del gruppo camorristico dei Belforte.

marcianise estorsione tentato omicidio condanne piccolo
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.