Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

IL SEQUESTRO | Villa Schiavo coi i sigilli dopo la tragedia di Mariopio. IL MOTIVO

05 / 09 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


 

Disteso a terra, ormai privo di vita, senza possibilità di salvarsi. È stato trovato così Mariopio Zarrillo, il 22enne di Marcianise scomparso da venerdì sera, la cui storia ha tenuto in ansia una intera città per quattro giorni. Ed è stata sottoposta a sequestro penale Villa Schiavo, il casolare abbandonato all'angolo tra via San Francesco e via Marconi a Marcianise dove nel pomeriggio di ieri è stato rinvenuto il corpo senza vita di Mariopio.

Una villa in stile Liberty che ha da sempre destato un certo fascino. La struttura ha un ingresso principale su via Marconi ed un altro su via San Francesco, dove c'è un vecchio cancello in ferro: lì non è proprio difficile scavalcare il muro perimetrale del vasto giardino che corre lungo via San Francesco. L'ipotesi, tutta da valutare, è che Mariopio possa aver scavalcato proprio in questo punto dove è facile che nessuno lo abbia visto.

Dopo il rinvenimento cadavere e la folla che si è creata all'esterno ora la situazione in zona è quasi tornata alla normalità, se si esclude il passaggio di gruppi di giovani e giovanissimi che gettano uno sguardo all'interno della villa per cercare di capire qualcosa. All'esterno dei due ingressi, sia in via San Francesco sia in via Marconi, campeggiano gli avvisi dei carabinieri: "Area sottoposta a sequestro penale", come disposto dalla Procura. 

Nelle prime ore della serata di ieri la salma di Mariopio è stata trasportata presso l'istituto di Medicina Legale dell'ospedale di Caserta dove sarà sottoposta ad accertamenti clinici del caso per stabilire il momento e le modalità con cui il ragazzo è morto. 

 

 

 

 

 

mario pio zarrillo suicidio marcianise
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.