Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

INCENDIO DOLOSO | In fiamme un bene confiscato al clan dei Casalesi

18 / 07 / 2018

|

Antonio Bruno

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Raid incendiario al bene sottratto al clan dei Casalesi ed oggi intitolato a Michele Landa, il metronotte ucciso dai sicari della camorra a Pescopagano. Nel corso della notte ignoti si sono introdotti nel terreno gestito dalla dall'associazione d'impresa La Buona Terra ed hanno appiccato il fuoco devastando l'impianto di irrigazione. Il rogo è di natura dolosa ed è stata sporta una denuncia sul caso con i carabinieri che hanno avviato le indagini. 

E' la stessa cooperativa a rendere noto il gesto. "Sebbene i danni non siano ingenti, è nostro compito denunciare con forza tale gesto, in quanto vuole essere una palese dimostrazione di come i clan siano ancora presenti e vigili sul territorio. Prima di ogni cosa siamo cittadini attivi, la nostra mission è quella di restituire il maltolto alla collettività, l’agricoltura resta un potente strumento nelle nostre mani ma prima di coltivare pomodori, coltiviamo persone e relazioni e per questo non possiamo restare in silenzio! Ciò che è accaduto non ci fermerà ma sarà da sprono per fare ancora di più, ancora meglio. Se ieri eravamo in 10 su quel terreno, domani saremo in 100! Cogliamo l’occasione per ringraziare il Comando dei Carabinieri di Cancello ed Arnone, Libera Campania, il Comitato don Peppe Diana, e l’assessore alle politiche agricole del Comune di Cancello ed Arnone Gabriele Di Vuolo che subito hanno manifestato la loro vicinanza. Vi aspettiamo il 20 luglio alle 18.00 a Casa di Alice per ribadire ancora una volta da che parte stiamo! Andiamo avanti, domani ci troverete ancora qui!", si legge sulla pagina facebook di La Buona Terra. 

 

 

bene confiscato incendio clan dei casalesi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.