Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Mondragone Bene Comune soddisfatto del risultato elettorale

06 / 12 / 2016

|

Valentina Martinisi

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


“Mondragone non era mai stata molto partecipe nelle occasioni referendarie, ma nella consultazione di domenica scorsa ha fatto registrare una migliore partecipazione al voto e anch’essa ha voluto dire con forza NO alla brutta, pasticciata e pericolosa riforma costituzionale”, ha sottolineato Gianni Pagliaro del Comitato per il No e portavoce di Mondragone Bene Comune. I mondragonesi, come del resto tutti i campani, hanno sonoramente bocciato la riforma e con essa le politiche, soprattutto sociali, del governo Renzi. Ma hanno anche sonoramente bocciato quella politica muscolosa, ingiuriosa e volgarmente clientelare, che a livello nazionale come su scala regionale pensa di ridurci a sudditi, di abbassare la nostra democrazia a quella del capo e di diluire i nostri diritti e le nostre libertà. Il prossimo anno - ha aggiunto Pagliaro - sarà un anno straordinariamente decisivo per l’Italia ed anche per Mondragone. Quindi, siamo soltanto all’inizio di un percorso”. “Infatti, non finisce qui - ha dichiarato Dario Caprio, che nelle ultime settimane aveva portato le ragioni del NO anche nella provincia di Caserta - Ci sono in ballo i 3 referendum della CGIL, quello sull’art. 18, quello sui voucher e quello sulla “responsabilità solidale”, ovvero circa la verifica che le ditte abbiamo lavoratori in regola ed abbiano pagato i contributi. Come ha sostenuto il filosofo Diego Fusaro nell’incontro a Caserta, che con me ha tenuto a sostegno del No alla riforma Boschi, è in atto un attacco alla democrazia e ai nostri diritti sanciti dalla nostra Costituzione da parte del sistema finanziario internazionale, delle banche e delle lobby. E la lotta non finisce con la vittoria di domenica scorsa. Con il prossimo appuntamento si dovranno spazzare via le “leggi vergogna”  del Governo Renzi che hanno stravolto il diritto del lavoro e i diritti sociali. La partecipazione di domenica scorsa - ha concluso Dario Caprio - rappresenta un buon viatico per i necessari cambiamenti che anche a livello locale occorre apportare per rivitalizzare la democrazia e per restituire lo scettro ai cittadini”.

mondragone bene comune risultato referendum pagliaro
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.