Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Piazza all'attacco: "L'unione di fatto tra Schiappa e Cennami ha provocato solo sterilità..."

21 / 05 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il fallimento politico del ribaltone. Sono passati ormai tre anni dal tradimento popolare del sindaco di Mondragone Giovanni Schiappa quando, sovvertendo il risultato elettorale delle amministrative del 2012, ad appena un anno dalle elezioni e senza averne mai dichiarato pubblicamente le motivazioni, “si accoppiò” con il suo nemico giurato Cennami, protagonista, tra l’altro, per averlo denunciato per brogli elettorali. Il fallimento è il risultato di una politica economico-finanziaria dissennata, fatta di patrocini, contributi ed elargizioni a pioggia che – alla lunga – hanno indebolito l’impianto strutturale economico dell’Ente, tanto da far lievitare l’anticipazione di cassa alla stratosferica somma di oltre 6.000.000 euro. A questo si aggiunga la mancata capacità di recupero delle evasioni che, sulla carta, sono accertate per milioni di euro, ma che poi – nei fatti – si concretizzano in poche decine di migliaia di euro di incasso. Tutto ciò ha portato i Revisori dei Conti a certificare nel loro parere sul bilancio consuntivo che: “L’Ente è Strutturalmente Deficitario”. Il fallimento è attestato anche dall’inoperatività della Giunta. Difatti su un numero di nove opere pubbliche programmate per l’anno 2015, i ribaltonisti non solo non ne hanno realizzata neppure una, ma – addirittura – su nessuna di esse hanno posato la prima pietra; unica eccezione l’approdo dei pescatori che però, sappiamo tutti, è sotto sequestro per le note vicende legate alle loro incredibile inefficienza. 

Ma il fallimento è, soprattutto, di natura politica. La loro tanto abusata frase “Per il bene della Citta”, presa come unica giustificazione all’indomani del ribaltone, alla luce dei fatti, è risultata solo come un pugno nell’occhio sferrato a freddo agli increduli mondragonesi. Sovvertire il voto popolare, amministrare senza una benché minima programmazione e gestire in modo nefasto le finanze dell’Ente, è la dimostrazione della inconsistenza del loro progetto. Unirsi semplicemente come “coppia di fatto” non ha prodotto che “sterilità” amministrativa e disastro economico per la città, certificando un fallimento annunciato. 

Giuseppe Piazza, consigliere opposizione Mondragone

mondragone schiappa cennami piazza unione di fatto sterilita
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.