Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ADDIO VIKTOR | E' morto il giovane clochard che viveva sotto il porticato del Banco di Napoli

16 / 04 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dopo otto giorni di agonia, muore Viktor Ukrklakov, il clochard rumeno che viveva sotto il porticato del Banco di Napoli di Via Roma a Caserta. Aveva 41 anni e una vita di miserie sulle spalle. "Così muore un clochard,non si lamenta e fino alla fine si aggrappa a Gesù senza mai lamentarsi della vita di stenti che ha vissuto" con queste parole il Presidente dell' associazione "gli angeli degli ultimi" Antonietta D'Albenzio parla di Viktor, che Domenica 15 Aprile, è deceduto all' ospedale di Santa Maria C.V. dove era ricoverato da 8 giorni per un cancro al cervello.

Antonietta D'albenzio, una donna che ha dedicato la sua vita per aiutare i clochard e le persone più sfortunate. Tutte le sere porta da mangiare ai senza tetto e si prende cura di loro in ogni piccolo particolare: "Victor, non era alcolizzato, era un bravo ragazzo, faceva tanti lavoretti e aveva sempre un sorriso da regalare al prossimo. Poi si è ammalato, mi sono presa cura di lui fino all' ultimo, nonostante la tragica diagnosi: cancro al cervello con metastasi in tutto il corpo compreso gli organi interni".

L'ennesima tragedia, un giovane morto nel silenzio assordante di tutti. I clochard, continuano ad essere il problema "invisibile" di una comunità che a secondo del credo politico personale li giudica, li calpesta o cerca di aiutarli. Dietro ognuno di loro si nasconde una storia, spesso triste e quasi sempre incompresa da chi dovrebbe fare di più.

morto Viktor clochard morto caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.