Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Movida selvaggia, controlli rafforzati ma il comitato non molla: "Verifiche sugli impianti acustici"

18 / 03 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


A seguito della riunione del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, il Comitato “Caserta centro, no degrado, no movida selvaggia”, prende atto della nota del sindaco Carlo Marino, il quale, oltre a censurare e condannare il fenomeno del degrado causato dalla movida selvaggia, precisa che “sarà garantito il rispetto dell’ordinanza n.44 emanata in data 15/10/2015 dal Commissario straordinario Maria Grazia Nicolò, nella sola parte che prevede l’interruzione della musica fatta suonare dai locali commerciali dediti alla somministrazione di alimenti e bevande alle ore 24,00”. A tal proposito, il Comitato “Caserta centro, no degrado, no movida selvaggia”, ritiene opportuno precisare al Sindaco di Caserta che la ordinanza commissariale, oltre a prescrivere l’interruzione della musica fatta suonare dai locali commerciali dediti alla somministrazione di alimenti e bevande alle ore 24,00, “precisa anche che la stessa musica “non deve essere diffusa dall’interno all’esterno dei locali, a mezzo di apparecchi di amplificazione sonora”. Si precisa e si evidenzia inoltre che il sindaco, nella sua qualità, deve garantire il rispetto delle norme vigenti in materia di occupazione abusiva di suolo pubblico, la quale causa notevoli problemi non solo al libero passaggio dei pedoni ma, anche e soprattutto, dei mezzi di soccorso e delle auto dei cittadini residenti nelle medesime strade interessate da tale problematica che, fra l’altro, risulta essere anche fra le principali cause dell’inquinamento acustico che, in tale fattispecie, è causato non solo dagli schiamazzi notturni degli avventori di tali locali ma anche dalla presenza di diffusori sonori situati in prossimità di tavoli e sedie che abusivamente occupano la proprietà comunale”.

caserta movida controlli comitato verifiche acustiche sindaco marino
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.