Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

E' FINITA L'ERA VELARDI | Approvata la mozione di sfiducia al sindaco

14 / 10 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


AGGIORNAMENTO ORE 19:00 - Con 14 voti favorevoli, 1 astenuto e 10 assenti è stata approvata la mozione di sfiducia al sindaco Antonello Velardi e alla sua amministrazione. Con questi numeri termina l'era Velardi. 

Hanno votato a favore della mozione i consiglieri: Abbate, Acconcia, Amarando, Bucci, Buonanno, Foglia, Frattolillo, Galantuomo, Guerriero, Laurenza, Moretta, Salzillo, Vallosco, Zarrillo, mentre Rondello si è astenuto. Assenti tutti gli altri.

La sfiducia è realtà: sindaco a casa, si torna a votare in primavera
Da domani si apre una nuova pagina per Marcianise: dalla Prefettura di Caserta sarà indicato il nome del commissario che dovrà guidare l’Ente fino alle prossime elezioni amministrative di primavera.

 

 

ORE 18:00 - E' iniziato il consiglio comunale che potrebbe mettere fine all’esperienza dell’amministrazione comunale guidata da Antonello Velardi. Tra i punti all’ordine del giorno spicca la mozione di sfiducia che qualora avesse la maggioranza metterebbe fine al governo cittadino.

All’appello da parte del presidente dell’Assise Antimo Rondello non hanno risposto otto consiglieri che risultano assenti. Il primo a prendere la parola è stato Tommaso Acconcia che sta spiegando in aula l’istanza firmata anche da cinque consiglieri di maggioranza.

La sfiducia è realtà: sindaco a casa, si torna a votare in primavera
Il sindaco ha preferito non presentarsi in aula, così come i consiglieri comunali che lo hanno sostenuto fino alla fine. Ha preferito non guardare dal vivo in aula coloro che potrebbero mandarlo a casa e che hanno messo, con due anni di anticipo, la parola fine alla sua amministrazione comunale.

 

 

 

crisi politica marcianise antonello velardi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.