Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CLAN DEI CASALESI | L' ex boss Nicola Panaro ricostruisce la rete degli stipendiati affliati

08 / 04 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Nicola Panaro, è considerato un uomo di punta nello scacchiere della Direzione Distrettuale Antimafia per ricostruire sia ciò che ancora è sepolto nella memoria storica dei Casalesi sia il nuovo assetto che si sono dati i superstiti in questi anni. Nelle ultime settimane le sue dichiarazioni hanno portato a scoprire due omicidi importanti ma datati: quello di Stefano Izzo, il "fattore" vicino ai Nuvoletta assassinato nel dicembre 1991 e quello di Giuseppe Quadrano, ammazzato nel luglio 19% davanti a un bar di San Cipriano per vendetta contro il cugino pentitosi pochi mesi prima.

"O' Principino" sta, però, svelando anche un'altra parte del racconto, meno violenta ma più attuale, partendo da un punto cardine: chi sono ancora gli affiliati a libro paga. Panaro ha fornito infatti ai magistrati un elenco degli stipendiati dei Casalesi, come confermato anche dal profilo che di lui viene tracciato nell'ultima ordinanza siglata dal gip in queste settimane e che lo vede indagato per il delitto che lui stesso ha confessato.

L'ex boss dei Casalesi ha svelato il nuovo organigramma e presentato agli investigatori l'elenco aggiornato degli affiliati stipendiati compresi quelli sottoposti al regime carcerario del 41bis. Una conoscenza approfondita che Panaro deve al suo profilo criminale: è entrato nel clan nel 2004. Per quattro anni, dal 2006 al 2010, è stato il braccio destro di Nicola Schiavone partecipando anche a diversi riunioni con i vertici delle altre famiglie Anche in anni recenti è stato parte attiva delle dinamiche criminali dei Casalesi ed ha fornito informazioni importanti sull'assetto che ora si sono dati i gruppi Schiavone, Russo, Iovine e Zagaria.

Nicola Panaro pizzino
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.