Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

STUDENTE ACCOLTELLATO | Parla la sorella: "Mio fratello colpito alle spalle: ha rischiato di rimanere paralizzato"

03 / 12 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ancora scossa per l' accoltellamento del fratello G., Nunzia Ianniciello con un post su Facebook decide di fare chiarezza, circa l' episodio di bullismo che ha messo a rischio, sabato scorso, la vita dello studente 14enne di Aversa:

"Ci tenevo a precisare che... Il ragazzo di cui si sta parlando in questi giorni e stanno scrivendo tutte baggianate è mio fratello.... Quindi solo chi c’era può dire la verità è mio fratello e i testimoni possono dirla punto. Quindi punto primo mio fratello di 14 anni è stato accoltellato alle spalle da un suo coetaneo all’uscita della scuola senza alcun motivo... il motivo è stato per uno sfizio personale di un povero figlio di papà senza amore che voleva fare il grande vicino ad una persona debole e indifesa. Questo ragazzo lo ha accoltellato colpendo anzi oltrepassando zaino libri e giubbotto, quindi il colpo è stato dato con forza dopo di che il coltello una volta entrato nel corpo è stato anche girato, così da forare un arteria è provocare un emorragia. Dove è stato dato il colpo e vicino la spina dorsale e quindi mio fratello poteva anche rimanere paralizzato.... Ora grazie al cielo posso dire che sta bene. Ma ciò che gli è stato fatto da questo ragazzino che si credeva di essere un mafioso o un povero bimbetto senza amore per colpa dei genitori, non si può perdonare ed e per questo che mio fratello rimane con un trauma fisico è sopratutto psicologico. Purtroppo oggi molti ragazzi crescono senza amore dei propri genitori e questa mancanza di amore lo sfogano su altri ragazzi facendo i bulletti..... Siamo nel 2018 quasi nel 2019 ed ancora oggi esiste il bullismo. Invece di combatterlo si sta diffondendo ancora di più.... Questa società invece di andare avanti sta andando indietro ed e per questo che oggi esistono persone ignoranti e senza cuore... E grazie al cielo è stata fatta giustizia questo ragazzo è stato rinchiuso e lì dovrà marcire Perché mio fratello non è stato l’unico a subire queste determinate cose Questo ragazzo era già da un po’ che sfoggiava questo coltello in classe e se la prendeva con i più deboli come mio fratello. Bisogna combattere tutto ciò bisogna essere altruisti e pensare il bene altrui. Oggi tanti ragazzi subiscono atti di bullismo come questi e anche meno pesanti... E la società per tutto questo cosa fa Aspetta che un ragazzo muoia per reagire No Ragazzi svegliatevi difendete i vostri amici difendete le persone facendole ragionare non agendo con le mani. Donate amore ciò che in questo mondo di oggi manca BASTA!!! STOP AL BULLISMO!!! Mio fratello è un guerriero ed ha lottato per ben due giorni e sta continuando a farlo....???? Inoltre ringrazio tutti coloro che sono stati vicino alla mia famiglia. Coloro che veramente hanno fatto la differenza. Coloro che sono stati presenti ed hanno agito no a parole ma a fatti.. Ed è per questo che in questo momento vengono fuori le persone false che ti circondano sia familiari che amici e tutto il resto Grazie a tutti!!!

 

IL FATTO - E’ accaduto sabato ad Aversa, all’istituto tecnico Alessandro Volta, poco dopo la fine delle lezioni, mentre gli studenti scendevano le scale interne dirigendosi verso l’uscita. La Polizia di Stato ha individuato l’aggressore solo dopo qualche ora, mentre era a bordo della sua minicar: con sé aveva ancora il coltello usato per ferire il coetaneo.

Il magistrato della Procura dei minori di Napoli, vista la gravità della condotta, ha poi deciso di farlo portare all’istituto napoletano dei Colli Aminei con l’accusa di lesioni gravissime.

Il 14enne rimasto ferito, seguito anche da un insegnante di sostegno, è stato invece accompagnato da un docente presso l’ospedale Moscati di Aversa, e poi trasferito al Cardarelli di Napoli in codice rosso. E’ ferito alla spalla, è grave ma non sarebbe in pericolo di vita.

Il drammatico episodio si è verificato verso le 14:00 appena suonata la campanella, la vittima è uscita dalla classe insieme agli altri alunni ed è stata avvicinata dall’aggressore e probabilmente da altri ragazzi, quindi mentre cercava di divincolarsi è stato colpito da dietro con un coltello, che gli ha perforato la spalla. Sono stati i docenti dell’istituto ad intervenire immediatamente e a prestare le prime cure alla vittima, mentre l’altro studente fuggiva con il coltello insanguinato.

Dal Commissariato di Aversa sono poi giunte due pattuglie; i poliziotti guidati da Vincenzo Gallozzi, dopo aver parlato con i professori e identificato l’aggressore, si sono messi sulle sue tracce, cercandolo prima a casa, quindi al bar del padre, in pieno centro.

Dopo alcune ore il 14enne è stato fermato mentre era sulla sua minicar. Agli agenti ha detto di aver portato il coltello per difendersi da eventuali aggressioni, e non per colpire il compagno di classe. Poi sul ferimento ha spiegato di aver voluto difendere la ragazzina che gli piaceva in quanto il compagna questi le dava fastidio e la importunava. “Infastidisce anche me”, si sarebbe difeso il 14enne.

Il padre dell’aggressore, convocato in Commissariato, è apparso molto rammaricato per l’accaduto; preoccupati anche i genitori della vittima, così come i docenti, alcuni dei quali hanno assistito all’episodio.

baby gang accoltellato aversa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.