Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

OMICIDIO PANIPUCCI | Chiesti 2 ergastoli e 20 anni per il complice

16 / 04 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ergastolo per Antonio Esposito, alias o' Sapunar, e per Antonio Mastropietro, mentre vent'anni per Domenico Senneca.

Queste sono state le richieste di pena del pm della Dda Luigi Landolfi al termine della sua requisitoria pronunciata stamattina dinanzi alla Corte d'Assise del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduta dal giudice Napoletano, nel processo per l'omicidio di Daniele Panipucci avvenuto a Maddaloni nel maggio 2016 con la vittima che spirò in ospedale il 3 giugno.

Landolfi ha ricostruito nella discussione durata circa 3 ore durante la quale il contesto in cui è maturato l'omicidio. Per il pm "Panipucci è stato ammazzato perché non voleva più spacciare droga per conto di Antonio Esposito che si era convinto che la vittima fosse un confidente dei carabinieri. Nel mese di maggio ci fu un consistente sequestro di droga con l'arresto di due uomini di Esposito. Un danno per il quale Esposito si è lamentato pubblicamente, incolpando Panipucci".

Effettivamente Esposito ha reso dichiarazione durante il processo, ammettendo di aver sparato accidentalmente, ha detto il PM. Una ricostruzione "degna di Guerre Stellari - ha detto Landolfi - dichiarazioni vergognose". L'unico colpo sparato, secondo quanto ha riferito il PM dell'antimafia, è stato "dritto leggermente da sinistra. Una traiettoria incompatibile con quanto ci dice Esposito". Per il pm "l'omicidio non è - dunque - avvenuto per caso".

Landolfi, poi, riferendosi a Mastopietro, ha parlato del suo ruolo apicale nell'organizzazione dedita allo spaccio, targato Belforte. "Mastropietro aveva il ruolo di capo - ha detto Landolfi - Aveva il compito di prendere i soldi dai capipiazza. In questo i maddalonesi hanno imparato dai Casalesi. Maddaloni, inoltre, è un territorio spartiacque e se non appartieni al clan non puoi raccogliere i ratei delle piazze di spaccio. Il suo ruolo è chiaro anche quando viene arrestato ed incarica la moglie di raccogliere i soldi".

Sulla partecipazione di Mastropietro all'omicidio il pm non ha dubbi. "È Mastropietro ad avvisare del passaggio dell'auto di Panipucci davanti allo chalet del paninaro, è Mastropietro a prendere l'appuntamento". Inoltre per il pm "Mastropietro era distante non più di un metro come dimostrano le particelle rinvenute sulle sue mani dallo stub".

Senneca, invece, era in macchina ma "ha accettato che potesse accadere qualcosa a Panipucci sapendo della personalità violenta. Per lui c'è il dolo eventuale, partecipa a titolo di concorso" anche se "avrebbe potuto avvisare il 118 e magari salvare la vita a Panipucci". 

In conclusione, oltre alle richieste di condanna, il pm ha chiesto l'isolamento diurno per 2 anni sia per Esposito che per Mastropietro.

 

 

 

panipucci mastropietro senneca espositio
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.