Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

OMICIDIO PANIPUCCI | Ergastolo per il boss Antonio Esposito. Ecco le decisioni per Mastropietro e Seneca

23 / 05 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Omicidio Panipucci, la sentenza

Omicidio Panipucci, la sentenza

Carcere a vita per il nuovo boss maddalonese Antonio Esposito. E' questa la sentenza emessa dalla Corte d'Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere presieduta dal giudice Napoletano nel processo per l'omicidio di Daniele Panipucci. 30 anni sono stati comminati, invece ad Antonio Mastropietro, mentre Domenico Senneca che ha confessato l'omicidio, è stato assolto.

IL FATTO - Daniele Panipucci, 30 anni, fu colpito da un colpo di pistola calibro 7,65 in un agguato a Maddaloni. Rimase ferito gravemente e dopo una settimana di ricovero all’ospedale di Caserta, morì. Le indagini della polizia riuscirono a ricostruire l’accaduto: in un video si vedono i tre imputati in una sala da biliardo mentre partono per recarsi sul luogo dell’agguato.

LA CONFESSIONE - Prima Senneca, poi Mastropietro ed infine Esposito avevano confessato di aver partecipato all’agguato: in particolare ‘o Sapunar aveva ammesso di essere stato lui a premere il grilletto contro Panipucci al termine di una lite, circostanza confermata anche da Mastropietro. Entrambi però hanno dichiarato, così come Senneca, che l’omicidio non era stato premeditato. Ipotesi, questa, non ritenuta attendibile dalla Dda che comunque aveva chiesto il massimo della pena per Esposito e Mastropietro e 20 anni per Senneca. 



 

 

omicidio panipucci antonio esposito
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.