Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Operai in cassa integrazione, riunione con rissa

28 / 05 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"La riunione aveva come argomento il passaggio dalla cassa integrazione dei lavoratori a un contratto di solidarieta' che prevede ammortizzatori sociali - racconta Guglielmi - ma improvvisamente i titolari dell'azienda ci hanno intimoriti prima con spintoni e poi sono venuti alle mani". Guglielmi è stato ricoverato al pronto soccorso dell'ospedale di Marcianise per un pugno ricevuto ed e' stato dimesso con sette giorni di prognosi. Il suo delegato è finito all' ospedale di Aversa. A Castelvolturno, invece, sono stati refertati gli amministratori e i dirigenti dell' azienda Marcon che conta circa 80 dipendenti. Sia da parte dei dirigenti dell'azienda che dai dirigenti sindacali partiranno entro domani le denunce per aggressione. Sul posto, al momento del fatto sono giunti i carabinieri di Aversa e Marcianise. La Comi Marcon e' un' azienda dell' indotto Indesit. Stando al sindacato, l' azienda Marcom ha presentato piano di crisi mentre è pronto un piano di ristrutturazione di Comit. Nel primo pomeriggio ci sono state le reazioni dei sindacati. "Fim-Fiom-Uilm di Caserta e della Campania condannano con fermezza la gravissima intimidazione e l'aggressione alla Marcon-Comit di Teverola preordinata da parte di rappresentanti dell'azienda nei confronti di un delegato e del segretario Fiom di Caserta - si legge in una nota diffusa agli organi di stampa - per fermare la lotta dei lavoratori nella vertenza in corso per garantire la continuità del lavoro attraverso un contratto di solidarietà. L'episodio si inquadra in una degenerazione dei rapporti sindacali, fino al prevalere di metodi camorristici per impedire la difesa dei diritti e la tutela degli interessi dei lavoratori - continua il comunicato - ora, oltre le denunce gia' presentate alle forze dell'ordine e alla magistratura nei confronti dei responsabili, e' necessaria una risposta decisa da parte delle istituzioni e della stessa organizzazione provinciale degli imprenditori". Da parte sua, il titolare dell'azienda Eduardo Fabozzi risponde: "Capisco l' agitazione e lo stato d' animo dei lavoratori - spiega - noi ci troviamo in una fase critica perchè il lavoro non c' è, ma il sindacato dovrebbe garantire serenita' e coordinamento con l'azienda, non fare provocazioni"
Marcianise Cronaca Aversa Castel Volturno Castel Volturno camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.