Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

GIALLO IN UNA STRUTTURA PSICHIATRICA | Paziente trovato con cranio fracassato in un lago di sangue

06 / 02 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Orrore nella struttura sanitaria di Marzanello. Un paziente viene trovato in un lago di sangue con il cranio fracassato. La sua vita è appesa ad un filo. I familiari vengono avvisati diversi giorno dopo il fatto. I carabinieri nemmeno vengono informati, lo faranno solo i familiari della vittima una volta messi a conoscenza del drammatico fatto. Saranno proprio i militari dell'arma, alla guida del maresciallo Palazzo, a tentare di chiarire le cause che hanno ridotto in fin di vita Pasquale Di Federico, di Vairano Patenora.

Non si sa se si sia trattato di un incidente o una lite fra pazienti.  Ma gli aspetti da chiarire sono tanti e riguardano anche l'organizzazione della struttura nella quale convivono pazienti della Sir (struttura intermedia riabilitazione psichiatrica) e della Rems (Residenza esecuzione misure di sicurezza) nella quale sono rinchiusi anche ex pazienti dei vecchi manicomi. Persone che hanno commesso anche reati gravissimi. 

Un fatto gravissimo che riporta alla Luce Le tante problematiche della struttura di Marzanello già in passato al centro di una serie di polemiche. Una struttura che appare fuori legge per il semplice fatto che prevede la convivenza di pazienti Sir e quelli di Rems, nello stesso stabile, divisi semplicemente da una fioriera. Dopo il ritrovamento, Di Federico è stato trasportato all'ospedale di Caserta dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e successivamente è stato trasferito alla struttura sanitaria di Salerno dove è tuttora ricoverato. Le sue condizioni sarebbero gravissime e i medici parlano di corna vegetativo. E le speranze sarebbero davvero poche. 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.