Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Pd, ecco tutti i papabili candidati nella lista di De Luca: in 4 sono già in pole position

02 / 03 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Cala il sipario sulle primarie del candidato presidente per il centrosinistra in Campania e, ovviamente, inizia la fase di riflessione per capire chi sono i vincitori e chi i vinti. Sicuramente l'insieme dei fattori che si sono messi insieme nelle ultime ore precedenti la consultazione hanno concesso la vittoria a Vincenzo De Luca. Il comunicato al vetriolo di Massimo Paolucci contro il Partito Democratico e l'uscita di scena dalla competizione di Gennaro Migliore hanno stravolto il quadro. Gennaro Oliviero, Dario Abbate e Lucia Esposito, tre nomi su tutti, hanno dato il valore aggiunto al gruppo dei sostenitori di Vincenzo De Luca, Giovanni Cusano e Nicola Caputo, per conquistare il successo in Terra di Lavoro. Dividendo per aree il territorio della Provincia di Caserta si capisce dove e come hanno influito i vari capibastone. Sul Matese c'è stato una sorta di parità con Enzo Cappello che, schieratosi con Andrea Cozzolino, non è riuscito a distaccare gli avversari, anzi esce dalla partita con qualche acciacco. L'area che va da Santa Maria Capua Vetere a Sessa Aurunca, passando per il litorale domitio, ha concesso una differenza di 1000 voti a favore di Vincenzo De Luca. In questi comuni Gennaro Oliviero l'ha fatta da padrone con la famiglia Stellato che esce sconfitta. Da Caserta ad Arienzo, passando per Macerata Campania, Portico, San Nicola la Strada, Marcianise, Recale e Capodrise, Dario Abbate e Lucia Esposito, coadiuvati da tanti supporters di Gennaro Oliviero e dal lavoro svolto da esponenti non iscritti al Partito Democratico di Maddaloni ma vicini a Nicola Caputo, Enzo Santangelo, ex consigliere provinciale della maggioranza Zinzi, e Clemente di Rosa, da poco ideatore di una lista civica a sostegno della maggioranza di centrodestra targata Rosa De Lucia, hanno permesso a Vincenzo De Luca di stracciare la concorrenza con quasi 2000 voti di vantaggio su Andrea Cozzolino. Nell'agro aversano invece Marco Villano, Nicola Ucciero, Nicola Tamburrino, Raffaella Zagaria e i grazianiani hanno limitato i danni sconfiggendo i caputiani portando a casa un vantaggio di 1500 preferenze. 

Ed ora? Facile pensare che queste primarie avranno conseguenze anche sulle scelte dei candidati. E l'ultima parola, naturalmente, spetterà all'europarlamentare Caputo che è il punto di riferimento di De Luca nel casertano. Sarà lui a dover decidere anche i candidati nella lista del presidente, partendo anche dalle promesse fatte. A partire da quella a Luigi Bosco, attuale vice sindaco di Casapulla, a cui vanno aggiunto Vincenzo Santangelo di Maddaloni e Peppe Fiorillo, ex sindaco di Cesa. Proprio la posizione di quest'ultimo potrebbe creare qualche problema a Caputo, visto che Fiorillo prenderebbe voti nell'agro aversano, proprio l'area dove dovrebbe candidarsi un altro fedelissimo dell'europarlamentare, il sindaco di Villa di Briano Dionigi Magliulo. Un altro candidato per la lista del presidente potrebbe poi uscire da Mondragone, dove pare che ci sia un accordo chiuso tra Giovanni Cusano e Michele Zannini (Acli).

partito democratico candidati lista presidente enzo de luca caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.