Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Pdl, il deputato Enzo D`Anna si schiera contro le Primarie: "Berlusconi ci ripensi e si candidi"

07 / 11 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


 "Un consiglio, si parva licet, al presidente Berlusconi prima che si celebri l'ufficio di presidenza del Pdl affinché quest'ultimo non si trasformi in una seduta analoga a quella del Gran Consiglio del fascismo che, il 25 luglio del 1943, sancì la defenestrazione di un altro Cavaliere, Benito Mussolini: è nella sua disponibilità dilapidare i propri averi economici e forse anche il patrimonio di consensi di cui è portatore, ma non è nella sua disponibilità sciupare la fiducia che i ceti produttivi, le categoria professionali e milioni di Italiani hanno riposto nel suo programma politico per cambiare il Paese". E' quanto afferma Vincenzo D'Anna, membro della commissione Affari Sociali di Montecitorio. "La rivoluzione liberale - prosegue il deputato originario di Santa Maria a Vico - è ancora di attualità. E sono ancora molti quelli che chiedono che siano radicalmente modificati i compiti e le funzioni dello Stato e che il libero mercato soppianti l'era degli sprechi, dello statalismo assistenziale e clientelare". Per realizzare tutto questo, Vincenzo D'Anna rilancia: "Occorre la presenza di Silvio Berlusconi in politica". Una presenza "che non è sostituibile con la liturgia delle primarie di partito che dovrebbero, miracolosamente, conferire carisma ed autorevolezza a soggetti che non hanno in dote questi talenti", conclude il parlamentare di Popolo e Territorio.
Caserta Politica pdl Caserta Caserta berlusconi
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.