Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Pestata a sangue a Caserta per rapina, arrestata una giovane coppia: incastrati dalle telecamere

14 / 01 / 2013

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Domenica di terrore per una donna in viale Veneto a Caserta, aggredita da una gang per rapina. Fortunatamente l’intervento della polizia è servito per arrestare due membri della banda. Tutto è avvenuto intorno alle 18,30 di domenica, quando gli agenti si portavano in viale Veneto dove era segnalata a presenza di una donna vittima di aggressione. Sul posto gli operatori individuavano una donna, di nazionalità ucraina, che stava avendo un acceso diverbio con alcune persone. La donna, 52 anni, domiciliata in Maddaloni, riferiva agli agenti  di essere stata derubata e malmenata, poco prima dalla donna e dall’uomo lì presenti, Luisa Cozzolino, 22 anni di Torre del Greco, e Giovanni Brucci, 25 anni, di Acerra. La vittima affermava che dopo essere stata fermata con un pretesto dalla donna, che la distraeva, subiva il furto con destrezza del proprio portafogli custodito nella borsa ad opera dell’uomo. Immediata era la  reazione della vittima che  aveva una colluttazione con l’uomo  nel tentativo di riprendersi il maltolto, ma questi riusciva a darsi alla fuga aiutato dalla Cozzolino che, invece, veniva  bloccata dalla vittima, ma, subito dopo, a sua difesa intervenivano cinque ragazzi, tutti di età compresa tra i 25/27 anni, che la aggredivano, consentendo alla Cozzolino di liberarsi. All’arrivo della pattuglia i cinque giovani si dileguavano facendo perdere le proprie tracce, mentre il Brucci, che nel frattempo era tornato indietro, aveva un acceso  diverbio con la donna che li accusava del furto. Agli agenti intervenuti, la donna indicava il  Brucci e la Cozzolino quali autori del reato ai suoi danni, ma questi due negavano ogni addebito, tanto che il Brucci riferiva che l’autore del fatto delittuoso  era un giovane marocchino che lui stesso aveva notato ed inseguito al fine di recuperare la refurtiva.       Per meglio avvalorare la propria versione dei fatti il Brucci accompagnava gli agenti nel sottostante parcheggio pubblico, sito in via Carlo III , ove, a suo dire, aveva scorto il ladro abbandonare il portamonete. In effetti nel parcheggio interrato veniva rinvenuto il portafogli appartenente alla donna ucraina, ma nel contempo i componenti della pattuglia intervenuta, si avvedevano della presenza di una telecamera per la video-sorveglianza interna all’area di parcheggio, per cui visionavano le immagini registrate che riprendevano il Brucci,  poco dopo le ore 18.00, mentre lungo la scalinata e nel predetto parcheggio rovistava nel portafogli per poi disfarsene. Stante la denuncia e la descrizione dei fatti forniti dalla vittima, confortati anche dalle immagini registrate, il Brucci e la Cozzolino venivano, pertanto, tratti in arresto.  Nel corso della perquisizione personale eseguita a carico del Brucci, venivano rinvenuti 30 euro, compendio della rapina, restituiti alla vittima. Anche la Cozzolino, con l’ausilio di personale dipendente femminile, veniva sottoposta a perquisizione personale, con esito negativo. Gli arrestati, al termine degli accertamenti di rito, su disposizione dell’A.G. procedente, venivano rinchiusi nelle camere di sicurezza della Questura in attesa del giudizio direttissimo, svoltosi questo pomeriggio,  nel corso del quale venivano convalidati gli arresti e disposto, a carico dell’uomo, l’obbligo di dimora nel comune di Acerra con il divieto di lasciare l’abitazione prima delle ore 6.30 e di farvi ritorno dopo le ore 19.00.
rapina arrestato giovanni bucci luisa cozzolino luisa cozzolino caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.