Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Policlinico, gli operai s`incatenano con mogli e figli: "Non ci faremo scippare il lavoro"

01 / 06 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Gli ex lavoratori del Policlinico non hanno alcuna intenzione di ammainare la propria bandiera e stanno organizzando una nuova protesta. Lunedì mattina si incateneranno insieme a mogli e figli di fronte al cantiere per impedire ai nuovi operai di far ripartire i lavori. A lanciare l'iniziativa i rappresentanti sindacali di Fillea Cgil, Filca Cisl  e Feneal Uil. Si sono, infatti, dimostrati  inconcludenti  i colloqui di lavoro sostenuti in questo mese con la "Condotte Spa" vista la comunicazione arrivata ai sindacati da parte del responsabile del personale Ugo Berardi: "Non ci interessa nessuno". Decidono quindi di scendere di nuovo in piazza i 108 ex operai a fianco delle loro famiglie per rivendicare il posto di lavoro. "Rivendicare il posto di lavoro" saranno queste le parole d'ordine dell'azione di lunedì- dichiara il segretario della Fillea Cgil Mario Martucci. "I lavoratori sono intenzionati a non permettere più a nessuno di scippare ulteriormente questo territorio. Non vogliamo che i soldi spesi fino ad ora dalla Regione per le casse integrazione in deroga vadano sprecati in questo modo". Sussidio che verrà interrotto a partire dal primo di luglio lasciando  lavoratori e famiglie senza alcuna forma di sostegno al reddito.
Caserta Economia Politica S.M.C.V S.M.C.V Santa Maria a Vico
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.