Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ARBITRO SEQUESTRATO | Aggredito in campo dal presidente del Virtus Liburia: 'salvato' dai Carabinieri

18 / 01 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ancora un episodio di cronaca sui campi di calcio. L’ultimo sul campo di Trentola Ducenta, dove il presidente della società della Virtus Liburia, che milita in Promozione nel girone A, ha minacciato e ingiuriato il direttore di gara. Il tutto riportato dal referto dell’arbitro che ha portato il Giudice sportivo ad obbligare la società di Trentola Ducenta a giocare una partita interna a porte chiuse. Ed è arrivata anche un’ammenda di ben 350 euroe partita a porte chiuse.

La società avrebbe dovuto giocare il match a porte chiuse ma l’arbitro ha visto un uomo sugli spalti, proprio il presidente della società, chiedendo di  far uscire dagli spalti l’uomo, che aveva tutta l’intenzione di restarci. Solo grazie l’intervento di alcuni dirigenti della squadra che hanno quindi evitato che la gara fosse sospesa.

Ma la storia non finisce qui, il referto dell’arbitro riporta che: “A fine partita, rientrava sul terreno di gara e tentava di aggredire nuovamente il direttore di gara, in ciò favorito da altra persona che chiudeva il cancello di uscita dal campo, costringendo il direttore di gara a rimanere sul terreno“. La situazione veniva riportata alla normalità solo dopo l’intervento dei Carabinieri.

LA DECISIONE DEL GIUDICE SPORTIVO: A CARICO DI SOCIETÀ AMMENDA (con obbligo di disputa, a porte chiuse, di una gara interna, con effetto immediato) Euro 350,00 VIRTUS LIBURIA perché, come risulta dal supplemento di rapporto, nonostante la gara si disputasse a porte chiuse, il DDG notava la presenza di un soggetto in campo che non risultava in distinta; pertanto lo invitava ad uscire, ma questi, qualificatosi come presidente della società Virtus Liburia, dapprima si rifiutava e prendeva ad ingiuriare e a minacciare il DDG e successivamente si allontanava solo per effetto dell'intervento di alcuni dirigenti. L'episodio provocava una sospensione temporanea della gara; inoltre, a fine partita, lo stesso soggetto rientrava sul tdg e tentava di aggredire nuovamente il DDG, in ciò favorito da altra persona che chiudeva il cancello di uscita dal campo, costringendo il DDG a rimanere sul tdg. La situazione veniva riportata alla normalità solo dopo l'intervento dei Carabinieri. Con obbligo per la società Virtus Liburia di disputare, con effetto immediato, la prossima gara casalinga a porte chiuse.

aggressione arbitro aversa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.