Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Primo consiglio comunale ed è subito bufera. Due consiglieri prendono le distanze da Schiappa

31 / 05 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


A Mondragone va in scena il primo consiglio comunale ed è subito spaccatura in maggioranza. Gerardo Napolitano (nuovo PSI) dichiara la sua sfiducia nella nuova giunta riscontrando un mancato coinvolgimento nelle scelte e poca considerazione nei suoi confronti. Si riserverà il diritto di votare secondo coscienza senza legami con la maggioranza. Luigi Mascolo (Intesa per Mondragone), anch'egli ignorato nei processi decisionali, è perplesso sui metodi utilizzati dalla maggioranza allo stesso modo di Napolitano. In queste ore valuterà le prossime mosse da attuare, mettendo in dubbio la sua permanenza tra i banchi della maggioranza. I tre consiglieri della Scelta passano nel PdL, come la Giovane Italia aveva scongiurato con l' appoggio di Landolfi e Giuseppe Piazza (coordinatore cittadino nonché consigliere).  L'opposizione contesta il fatto di non aver ricevuto notifica alcuna della surroga dei consiglieri dimessi per diventare assessori, quindi la presenza tra i banchi dei primi non eletti subentrati. Questi ultimi votano il presidente del consiglio (Pasquale Marquez, primo eletto PdL) e soltanto dopo vengono formalmente nominati consiglieri a fronte della nomina ad assessore di Bertolino (la scelta, vicesindaco) e di Petrella. Mario Fusco (Italia dei valori) invita il sindaco Schiappa a dimettersi da consigliere provinciale. Camillo Federico annuncia che la sua sarà opposizione propositiva e di collaborazione con le istituzioni. Schiappa invita consiglieri e giunta a dimostrarsi compatti e uniti per il corteo del 2 giugno dando alla cittadinanza un'immagine di alto profilo istituzionale a fronte del grave periodo che attraversa la nazione. Michele Conte, appena transitato nel Pdl, si dichiara esponente della Giovane italia in Consiglio, cosa che non è stata digerita dal movimento giovanile.
Politica Mondragone Salute Capua Capua Santa Maria a Vico
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.