Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ELEZIONI CASTEL VOLTURNO | "Attenti a quei due". La coppia che nessuno vuole: "Meglio starci lontano"

15 / 04 / 2019

|

Alfonso Pascarella

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Vagano per Castel Volturo in cerca di candidati per tentare di completare una lista da presentare alle prossime elezioni comunali. Hanno tentato un approccio politico con la coalizione di centrodestra (Forza Italia, Fd'I e Lega) e con a Nicola Oliva, passando perfino da Peppe Scialla. Ma nessuno li ha voluti.

E’ la coppia che a Castel Volturno tutti ‘scansano’, forse per il loro trascorso tutt’altro che ‘illibato’. C’è qualche castellano che si sbilancia un pò di più, definendoli ‘appestati politici’

Sono Giovanni Parente, papabile candidato sindaco di non si sa quale coalizione e il recordman di preferenze Alfonso Iovine.

Giovanni Parente, dottore commercialista, uomo che per anni ha gravitato attorno all’universo di Forza Italia, ai tempi di Nicola Cosentino (attualmente sotto processo), ma anche con Paolo Romano (attualmente sotto processo) che lo volle a capo del collegio dei revisori dei conti della presidenza del consiglio regionale, gli concesse moltissimi incarichi. Tra questi, anche un CDA del consorzio idrico.

Parente, più volte citato nel processo CE4, che ha visto e vede alla sbarra, uomini del calibro dello stesso Nicola Cosentino, Nicola Ferraro, Sergio Orsi, Giuseppe Valente, accusati dal PM Alessandro Milita di gare pilotate, assunzioni in cambio di voti e svelando i rapporti tra smaltimento dei rifiuti, camorra e politica.

ASCOLTA GLI INTERROGATORI DEL PROCESSO (Sergio Orsi e Giuseppe Valente

Alfonso Iovine, dopo il record di preferenze delle ultime elezioni comunali, (cacciato da Forza Italia, che ha preferito, forse, qualche voto in meno, però un nuovo progetto fatto di nuove forze sane), si ributta nella mischia, senza dimenticare che alle spalle ha tante disavventure, parentele o le amicizie poco raccomandabili in quel di San Cipriano, e la triste vicenda giudiziaria del figlio, arrestato con una gang che rubava auto.

Infatti, Domenico Iovine, è stato arrestato il 18 gennaio 2018, nell’ambito di un’indagine che aveva smascherato una banda dedita ai furti delle Smart. Domenico Iovine, 34 anni, poi passa dal carcere ai domiciliari mantenendo l’accusa grave di riciclaggio.

elezioni comunali castel volturno giovanni parente alfonso iovine
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.