Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CASERTA E' MORTA | Commercianti in corteo: "Penalizzati da ZTL e centri commerciali"

29 / 10 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Centro bloccato contro la Ztl, i commercianti tornano in strada a protestare | FOTO

Anche questa mattina, così come già accaduto ieri mattina, proteste e disagi nel centro di Caserta per il sit-in indetto dai commercianti contrari alla Ztl del capoluogo. Un gruppo di esercenti ha bloccato largo Amico in entrambe le direzioni, stazionando al centro della carreggiata ‘armati’ di cartelli: “No a questa Ztl” e “Ci avete rotto il centro” i chiari messaggi rivolti alle istituzioni.



Tra loro ci sono gioiellieri, farmacisti, ottici, fotografi, panettieri, baristi ma anche i titolari di negozi di abbigliamento e scarpe, marchi storici della città, articoli per la casa, cartolerie e persino un commerciante cinese che ha da poco aperto un negozio di cover per cellulari nel secondo tratto di corso Trieste e sta già registrando le prime difficoltà.

Il calo degli incassi, stando alla denuncia degli esercenti, oscilla tra il 60 e l'80 per cento, a seconda della strada e del tipo di attività mentre il numero delle saracinesche abbassate rappresenterebbe ormai un terzo di tutte quelle presenti nel centro storico. Stando ad una stima, non ancora confermata dalle associazioni di categoria (che ieri peraltro erano assenti), i negozi chiusi negli ultimi cinque anni sarebbero circa 220. Sembra che siano addirittura diminuiti i correntisti degli ultimi istituti di credito che ancora resistono sul tratto di corso Trieste interessato dalla ztl.

«Hanno chiuso le strade - denuncia Marco Carbone della gioielleria Oro' - ma non hanno mai creato i servizi necessari a supportare la pedonalizzazione, anzi, pretendendo che fossimo noi commercianti a convincere le persone a camminare a piedi». «Ci hanno distrutto - lamenta Peppe Orefice della sartoria partenopea Arold & Arold - e sembra non importare a nessuno. Se non verranno assunti provvedimenti concreti, nel centro storico resteranno aperti solo bar e locali. Tutte le altre realtà scompariranno». La ztl, definita monca' e farlocca', rappresenterebbe tuttavia soltanto una delle cause. Per i negozianti il colpo di grazia sarebbe stato inferto dalla concorrenza dei centri commerciali e degli outlet «che addirittura - fa notare Fulvia Coppola del negozio di abbigliamento #Tagman' - organizzano navette per venire a prendere le persone qui e portarle lì. Nessuno è contro queste strutture, sia chiaro, vorremmo soltanto che le istituzioni si attivassero per favorire anche noi. E invece qui non ci sono servizi, né navette, né agevolazioni di alcun tipo».

E poi c'è chi propone di chiudere i centri commerciali di domenica per favorire l'affluenza nel centro storico della città, chi opta per una pedonalizzazione solo nelle ore serali o solo nei giorni festivi e chi invece chiede la sospensione immediata di tutte le isole pedonali. «Neanche prolungare l'orario di attività e rimanere aperti sette giorni su sette è servito a nulla», denunciano alcuni dei commercianti più giovani.

Invita alla linea dura Ciro Guerriero, presidente dell'associazione Caserta Kest'è e portavoce dei commercianti, che annuncia una settimana di mobilitazione. «Saremo in strada tutte le mattine fa sapere fino a quando non otterremo finalmente la convocazione di un tavolo di concertazione al Comune».

manifestazione commercianti caserta ztl
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.