Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Raccolta rifiuti a Capua, respinto l`ultimo tentativo di trattativa: confermato lo stato di agitazione dei dipendenti

21 / 02 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Tensione alle stelle per i dipendenti della societa’ che gestice la raccolta rifiuti a Capua. Ieri mattina si è svolta l’assemblea di tre ore per il mancato pagamento dello stipendio di gennaio, anche se fino alla fine i responsabili dell’azienda hanno cercato di evitare il blocco del lavoro promettendo il pagamento degli stipendi. “Il 19 febbraio – afferma Giovanni Guarino della Cisl - al fine di farci revocare tutte le azioni sindacali ,ci era stato comunicato con documentazione cartacea, di un versamento di euro 1.200 a tutti i dipendenti con valuta per il giorno 19 febbraio, di conseguenza i lavoratori tutti si rifiutavano  di accettare perche’ questa proposta non era stata nemmeno concordata coi sindacati, quindi poco credibile, in quanto le organizzazioni sindacali erano a conoscenza del fatto che il comune di Capua era in ritardo nella compilazione del mandato di pagamento. Ieri mattina sul cantiere si e’ recato un responsabile aziendale il quale ha cercato di convincere i lavoratori a non aderire all’assemblea di ore 3 (dalle 06:00 alle 09:00) garantendo che sarebbero stati visualizzati i pagamenti, tentativo respinto dai lavoratori per la seconda volta. Ma non solo:  gli stessi si sono recati in banca ed hanno appreso che realmente la stessa non visualizza nemmeno il mandato di pagamento da parte del Comune e che i documenti cartacei sono validi ma non possono essere realizzabili. A questo punto i lavoratori del cantiere di Capua fanno sapere che confermano il prolungarsi dello stato di agitazione che sara’ revocato solo quando verra’ pagato lo stipendio di gennaio intero”.
rifiuti cantiere capua cisl cisl dipendenti
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.