Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Rapina da 300mila in una gioielleria di Macerata, arrestate due donne e il complice. IL VIDEO

29 / 01 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


In data odierna, a seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, sezione reati contro il patrimonio, e delegate ai Carabinieri della Stazione di Macerata Campania, sono state eseguite tra la Provincia di Caserta e Napoli 3 ordinanze di custodia cautelare, di cui una in carcere e due al regime degli arresti domiciliari nei confronti di: Anna Caradente Sicco, 37enne di Napoli e residente a Marano di Napoli; Maria Palumbo, 26enne di Mugnano e residente a Marano di Napoli; Ciro Dalizzo, 35enne di Portico di Napoli. L'attività investigativa svolta trae origine da una rapina commessa il 20 novembre 2013 in danno della gioielleria "Momenti d'Oro" sita in Macerata Campania, in cui 4 persone, fra cui la Carandente Sicco, introdottesi quali clienti con il pretesto di visionare dei gioielli, aggredivano con armi la titolare, aggredendola con violenza e strattonandola più volte, immobilizzandola e legandola con del nastro adesivo, asportando poi dalla cassaforte gioielli e monili per un valore complessivo stimato in circa 300.000 euro. La visione dei filmati di videoregistratori, nonché l'escussione di tutti i testimoni reperiti consentiva di individuare il mezzo utilizzato dai rapinatori di cui venivano immediatamente diramate le ricerche. Lo stesso risultava oggetto di rapina perpetrata poco tempo prima a Marcianise in danno di due giovani. La completa ed attenta escussione delle due sedicenti vittime della rapina dell'autovettura faceva emergere incongruenze tali nella vicenda da far iniziare una più ampia attività di analisi. Tale attività investigativa sotto la direzione di questo ufficio, condotta anche con l'ausilio di attività tecniche, consentiva di accertare senza ombra di dubbio non solo l'avvenuta simulazione della rapina dell'autovettura da parte dei giovani, ma anche la circostanza che gli stessi si erano recati più volte, nelle settimane precedenti, nel citato esercizio col pretesto di visionare gioielli per un ipotetico acquisto, mai concluso, al fine di acquisire informazioni sulle misure di sicurezza. Ricostruendo i contatti avuti da costoro con altre persone, si individuava uno dei soggetti che avevano materialmente perpetrato la rapina, nella persona della citata Carandente Sicco, peraltro legata ai giovani "basisti" da rapporti di parentela. Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di identificare i complici.
rapina gioielleria macerata campania arresti arresti pistola
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it