Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

RAPINA ALLA POSTA | Presi in ostaggio i clienti: i malviventi fuggono dalle fogne con il bottino

02 / 12 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Colpo alle Poste in centro, rapinatori in fuga con 170mila euro | VIDEO

Momenti di paura e caos, questa mattina, nel pieno centro di Caserta, dove malviventi armati hanno fatto irruzione nell'ufficio postale che sorge su corso Giannone, a pochi passi dalla Reggia vanvitelliana.

Da quanto si apprende, i rapinatori hanno preso in ostaggio dipendenti e clienti che, in quel momento, affollavano la posta, generando il panico: dopo essersi fatti consegnare i soldi presenti in quel momento nella casse – qualche migliaio di euro, ma il bottino non è ancora stato quantificato – i malviventi sono fuggiti celermente da un buco praticato nelle fogne, dal quale sono entrati; due di loro potrebbero essersi dileguati proprio nella Reggia.

Sul posto sono arrivati i carabinieri, che stanno setacciando tutta la città alla ricerca dei rapinatori, anche grazie all'ausilio di un elicottero. Per fortuna, da quanto si apprende, nessuno dei dipendenti dell'ufficio postale e dei clienti – tra cui anche molti anziani che stavano ritirando la pensione – è rimasto ferito: rimane, però, il grande spavento.

Solo qualche giorno fa, il 28 novembre, una rapina a mano armata è andata in scena nel cuore di Napoli: malviventi hanno fatto irruzione nella filiale del Credit Agricole sita tra corso Umberto I e la zona di Porta Capuana. Anche in questo caso, i rapinatori hanno utilizzato un tunnel scavato nella rete fognaria per entrare nell'istituto di credito: dopo aver minacciato i dipendenti, i malviventi sono riusciti a fuggire dalla banca con un bottino di circa 170mila euro.

Sulla vicenda indaga la Polizia di Stato, che ha passato al setaccio la zona e visionato le immagini delle telecamere per cercare di pervenire all'identità dei rapinatori.


 



 

RAPINA POSTE CASERTA
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.