Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ASSALTO ARMATO ALLA POSTA | Preso in ostaggio il direttore, poi la fuga con il bottino: uomo colto da malore

01 / 07 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Assalto armato alle poste, cliente colto da malore

Assalto armato questa mattina all’ufficio postale del rione Sant’Andrea, a Santa Maria Capua Vetere. Quattro banditi arrivati a bordo di una Fiat Punto di colore grigio, hanno messo a segno un colpo clamoroso proprio al momento dell’apertura delle Poste di via Cavalieri di Vittorio Veneto, nella giornata di ritiro delle pensioni.

I ladri in pochi minuti sono riusciti, minacciando l’uso delle pistole, a farsi consegnare un ingente quantitativo di denaro, ancora in fase di accertamento.

Un piano studiato a tavolino e scattato pochi minuti prima delle 9:00 e stando alla prima ricostruzione degli agenti del commissariato di Santa Maria Capua Vetere, che indagano sul raid, ad agire sono stati in quattro. Tre materialmente hanno effettuato la rapina, un quarto complice ha fatto invece da “specchiettista”. L’uomo era infatti vestito da operatore ecologico e fingeva di spazzare il viale davanti all’ingresso dell’ufficio postale.

Alla vista del direttore ha dato il segnale che ha fatto scattare la rapina: in tre armati hanno preso in ostaggio il direttore costringendolo ad aprire i forzieri per consegnare il contante. Ancora non ci conosce l’entità del bottino. Sul posto in questo momento ci sono gli agenti del locale commissariato: istituiti posti di blocco per fermare la fuga dei quattro che hanno lasciato a tutta velocità il rione Sant’Andrea.

Sul posto è dovuta intervenire anche una ambulanza, dopo che un Un funzionario dell’ufficio postale, A.F., 40 anni, è svenuto a seguito della rapina. L'ufficio posale preso di mira dai malviventi aveva già subito in passato rapine di questo tipo.

 

rapina posta santa maria capua vetere
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.