Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

SESSO & TONACA | Fa sesso col prete, poi lo ricatta e gli estorce 42mila euro: arriva la condanna. I NOMI

10 / 12 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il figlio in carcere. E la mamma pure. Lui per estorsione. E lei pure. E’ stata condannata a 2 anni e 4 mesi Loredana M., 52enne, di Qualiano, accusata di aver estorto denaro a un prete di Isernia con cui aveva intrattenuto rapporti di natura sessuale. La donna ha ricevuto un’ordine di carcerazione per residuo di pena proprio mentre il figlio, Renato Mussolino, classe ’86, veniva arrestato su ordine della DDA con l’accusa di aver tentato di estorcere 20mila euro a un imprenditore di Giugliano per conto del clan.

I fatti che vedono protagonista la signora di Qualiano risalgono a marzo scorso. La donna, dopo la fine della relazione con il prete, che aveva prestato servizio anche a Parete, ha deciso di minacciarlo tramite telefonate ed sms: “Se non mi dai i soldi racconto a tutti quello che è successo tra noi”, diceva la donna, costringendo il parroco a sborsare fior di quattrini attraverso ricariche Postpay.

Alle richieste estorsive si è unita anche un’altra amica donna. Anche lei si era fatta ricaricare la carta prepagata. A quel punto il sacerdote, che aveva consegnato ai due ben 42mila euro, non ce l’ha fatta più e le ha denunciate entrambe. Per Loredana M. erano già scattati gli arresti domiciliari. Ora la 52enne verrà condotta in carcere per scontare il residuo di pena dopo la condanna definitiva giunta in questi giorni.

sesso PRETE parete
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.