Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

RESA DEI CONTI PD, Picierno vuole cacciare Oliviero. Abbate fa il soccorso rosso

13 / 10 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Iniziano le prime ripercussione dopo la catastofe Marino. La prima a Parlare è Pina Picierno che individua in Olivier il primo traditore della coalizione, permettendo a Giorgio Magliocca di diventare il Presidente dell provincia di Caserta

Ecco le dichiarazione di Pina Picierno:

"Ci risiamo: a Caserta emerge ancora una volta il trasformismo peggiore e più spregiudicato. Il protagonista é, ancora una volta, il consigliere regionale Gennaro Oliviero. Lo stesso che alle scorse primarie si era candidato a sostegno di Matteo Renzi e poi, segretamente, aveva fatto votare Emiliano. Quel modo di fare, dissi allora, sarebbe stato letale per il PD perché avrebbe reso normale il disprezzo per la buona politica.
Oggi, purtroppo, quella di allora si è dimostrata una facile profezia: chi ha avuto il coraggio di candidarsi con Renzi e far votare Emiliano non ha esitato a sostenere in modo spudorato il candidato Presidente del centro destra, tradendo Carlo Marino e la nostra comunità politica. 
Ogni minuto in più, ed ogni atto di tolleranza verso chi fa politica in questo modo, significa allontanare dal PD migliaia di militanti che sacrificano il loro tempo e la loro passione per il più grande partito del riformismo italiano. Il Pd non può che essere dalla parte opposta rispetto a quella che occupano questi personaggi e sarò impegnata a chiedere, a tutti i livelli, che chi ha votato il candidato presidente del centrodestra venga collocato dove già si posto con la sua condotta spregiudicata: fuori dal perimetro del Partito Democratico".

Arriva, il soccorso rosso di Dario Abbate:

"Il post dell’europarlamentare Picierno è vergognoso. Lei, proprio lei, regina del trasformismo valoriale (ex demitiana, ex veltroniana, ex franceschiniana, ora salita sul carro vincente di Renzi, prima paladina della legalità ora alfiere del #chissenefregadellostatutodelPD) dovrebbe avere il pudore di tacere visti il magro risultato conseguito (circa 400 voti) alle elezioni provinciali dall’unico suo candidato inserito nella lista del Pd e il fallimento della sua gestione commissariale del circolo PD di Maddaloni. Dovrebbe gridare allo scandalo dopo il fallimento di quello scellerato patto politico anche da lei sostenuto (ATO Rifiuti, ATO Idrico e Provincia) miseramente tradito dai due sindaci che di quel patto hanno già beneficiato. Dovrebbe gridare allo scandalo dopo aver visto le foto del capogruppo della lista Velardi (sindaco voluto e sostenuto fortemente dal PD) abbracciare felicemente il neoeletto sindaco della provincia. Dovrebbe gridare allo scandalo che questo stesso sindaco illegittimo abbia candidato e fatto eleggere un proprio consigliere in una lista che si dichiara alternativa al PD o equidistante da PD e FI. Dovrebbe avere il pudore di tacere. Invece ella attacca ingiustamente e ingenerosamente un suo compagno di partito che continua a dimostrare il suo radicamento nel territorio della provincia e tra i cittadini (dimentica già il sostegno ricevuto alle primarie del 2012). L’on. Picierno afferma fatti senza fondamento e senza cognizione di causa mortificando lo sforzo ed il lavoro dei tanti candidati della lista Riformisti e Democratici che hanno sostenuto lealmente la candidatura di Carlo Marino a presidente.
In realtà l’on. Picerno ha già deciso di lasciare lo scranno dell’europarlamento per accomodarsi nuovamente tra i banchi di quello nazionale che considera più consono alle sue attitudini. Userà tutto il cinismo che le è proprio per eliminare politicamente quelli che considera concorrenti in questa nuova opportunistica scalata. 
Fintantoché continuerà ad essere rappresentato da questo tipo di dirigenti (lontani dai cittadini ma abili nei salotti romani), il PD casertano sarà inesorabilmente destinato alla sconfitta e all’oblio politico".

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it