Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Ricompattava i clan, arrestato fratello del boss Antonio Iovine `o ninno`

06 / 07 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La squadra mobile di Caserta ha arrestato Giuseppe Iovine, 50 anni, fratello del boss dei Casalesi Antonio, detto 'o ninnò, e un altro affiliato al clan, Nicola Fedele, 31 anni, con l'accusa di estorsione continuata aggravata dal metodo mafioso. Giuseppe Iovine, è stato bloccato nell'abitazione di San Cipriano d'Aversa dove viveva Antonio. Con Iovine, è stato arrestato il suo 'emissario', Nicola Fedele, 31 anni, l'uomo che aveva il compito di contattare gli imprenditori con le richieste estorsive e di combinare gli appuntamenti con il boss. Iovine aveva cominciato a taglieggiare imprenditori e commercianti dell'area chiedendo il 'pizzo' per ogni lavoro con importi variabili tra i 200 e i 1.000 euro. La misura restrittiva è l'epilogo di una meticolosa attività investigativa che ha permesso di svelare le pressanti e continue richieste di denaro rivolte da Giuseppe Iovine ad alcuni commercianti ed imprenditori, indotti a cedere alle sue protervi pretese dalla consapevolezza della sua appartenenza alla nota famiglia camorrista e dal rapporto di parentela con l'ex primula rossa dei casalesi. Secondo quanto appurato, aggiunge la Questura di Caserta ''Giuseppe Iovine, in concorso con Nicola Fedele, che in alcune circostanze fungeva da emissario del primo, convocando le vittime agli appuntamenti o formulando in nome suo le richieste di denaro. Lo stato di soggezione delle vittime era confermato dall'atteggiamento omertoso assunto nei confronti degli investigatori, infatti, nessuna di esse ammetteva, nonostante l'evidenza delle contestazioni, le pretese estorsive dei due indagati che, piuttosto, venivano minimizzate e ricondotte a mere richieste di piccoli prestiti. Giuseppe Iovine, verosimilmente, stava tentando di ricompattare le fila dell'organizzazione, fortemente indebolita dalla cattura del latitante e dall'arresto, nei mesi successivi, di numerosi affiliati e favoreggiatori''.
Cronaca Casal di Principe San Cipriano d`Aversa Salute Salute San Felice a Cancello
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.