Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Rifiuti fuori scuole ed uffici, il `miracolo di San Gennaro` non si realizza. Ed i soldi ricavati dalla differenziata non fanno calare la Tarsu

21 / 09 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


“Non ha portato bene il giorno  di San Gennaro all’assessore Federico Pellegrino, dopo aver annunciato urbi et orbi che da mercoledì 19 settembre tutto si sarebbe risolto per la raccolta dei rifiuti, ci siamo accorti che il miracolo purtroppo non è avvenuto”. E’ la denuncia che arriva dal gruppo consiliare del Partito democratico di Mondragone guidato da Achille Cennami che aggiunge: “Non si conoscono bene gli accordi dell’Ente nei confronti della nuova ditta e quali siano le mansioni ad essa affidata, sta di fatto che la  situazione,  già  insostenibile  in piena estate,  si sta  complicando sempre di più fino a diventare una vera è propria emergenza . Fino ad oggi la nuova ditta “Senesi”, con scarsezza di mezzi ,che è subentrata il 5 settembre scorso nell’attività di raccolta dei rifiuti non riesce a organizzare due giorni di seguito la raccolta  in molte zone della Città. Mentre nelle frazioni periferiche non si è quasi mai vista mettendo in serie difficoltà i cittadini che minuziosamente cercano di attenersi alla differenziata e al senso civico. L’assessore non riesce neanche in piena emergenza a caratterizzarsi con un contributo fattivo e razionale  per l’organizzazione della raccolta omettendo, come prerogativa, la pulizia del percolato e la raccolta fuori dalle scuole, dagli asili e dagli  uffici e luoghi di pubblica utilità dove ogni tanto si vedono strani animaletti a quattro zampe e coda lunga, anche se però ha fatto installare nel frattempo  dei cartelli di divieto di scarico, minacciando multe salate a chi sversa lungo le strade. Il Sindaco Schiappa per non essere da meno all’Assessore ha cercato di metterci del suo cercando di risolvere il problema dei rifiuti  sulle strade  provinciali, addirittura dalla Regione ha avuto l’intervento speciale della società  in house  ASTIR, cioè ha potuto usufruire dell’utilizzo dei “big bag” (grandi sacchi bianchi), ma, anche questi sono rimasti sepolti inesorabilmente sotto montagne di spazzatura poiché dopo aver fatto bella mostra per qualche articolo e  da sfondo fotografico hanno dimenticato di rimuoverli. In ultimo, “troppo grazia S. Gennaro”, decidono con azione congiunta, di mortificare i cittadini virtuosi che fanno la differenziata perbene, che hanno fatto guadagnare al Comune  l’importo di circa 146.000 euro quale quota di ristoro  della differenziata(cioè riciclaggio di carta, vetro, plastica e alluminio). Ebbene hanno deciso di non destinare tale somma per cercare di  abbassare il costo della  Tarsu che grava sui contribuenti onesti che pagano le tasse, ma  utilizzarli per il ripristino di un bene confiscato più volte vandalizzato all’IDAC”.
Politica Mondragone Casal di Principe Piedimonte Matese Piedimonte Matese San Prisco
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.