Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

RIFIUTI INTERRATI | La scoperta nel cantiere dell'interporto

04 / 04 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


I militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Marcianise, unitamente al personale ARPAC – Dipartimento Provinciale di Caserta, su richieste di intervento da parte del Direttore dei Lavori di due distinte opere pubbliche, con le quali è stato segnalato di aver rinvenuto, casualmente, nel corso dei lavori di escavazione, delle discariche abusive di rifiuti pericolosi interrati, si sono portati sul posto ed hanno effettivamente riscontrato quanto posto in evidenza. Nei due cantieri, previa caratterizzazione dei rifiuti a cura dell’ARPAC, i Carabinieri Forestale hanno proceduto di iniziativa all’immediato sequestro giudiziario delle due discariche abusive.

Una prima area dell’estensione di circa 600 mq, ubicata alla località “Masseria Fabbriche” del comune di Maddaloni, interessata dai lavori di realizzazione di una rotonda stradale sulla Strada Provinciale N. 235, ove è stato rinvenuto uno strato di circa 80 cm di rifiuti costituiti da resti frantumati di batterie per automezzi esauste. Nel corso della verifica si è avvertita la caratteristica maleodoranza rilasciata dall’acido solforico che era contenuto nelle batterie. Tale condizione ha comportato un deterioramento significativo della matrice suolo.

Una seconda area dell’estensione di circa 350mq: ubicata alla località “Calabricito” del comune di Maddaloni, interessata dai lavori di scavo preliminari per la bonifica bellica e caratterizzazione del terreno. Interventi finalizzati alla realizzazione del raddoppio dello scalo ferroviario Interporto Sud Europa. In quest’altro sito sono emersi dal sottosuolo dei rifiuti, sversati ed interrati in periodi di tempo imprecisati, costituiti da materiali provenienti da interventi di demolizioni e disfacimenti edilizi con una consistente presenza di cemento amianto. Lo scavo in argomento è stato effettuato fino ad una profondità di circa 2 mt e lo strato di rifiuti contraddistinto dalla presenza di cemento amianto frammisto a materiale edile di demolizione è emerso ad una profondità di circa 1.20 m dal piano di campagna.  

Delle due discariche abusive poste in sequestro, distanti tra di loro in linea d’aria circa 3700 metri, la prima è stata affidata in custodia al Comune di Maddaloni e la seconda al Direttore dei Lavori degli interventi di ampliamento dell’Interporto Sud Europa.

 

rifiuti maddaloni
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.